CHIUDI
CHIUDI

22.08.2019

Terme, scatta la caccia agli investitori

Il compendio termale quest’anno è stato aperto in extremis: si cerca ora un progetto di lungo termineL’obiettivo è trovare gli investitori entro la prossima estate
Il compendio termale quest’anno è stato aperto in extremis: si cerca ora un progetto di lungo termineL’obiettivo è trovare gli investitori entro la prossima estate

Scatta la caccia agli investitori per una gestione di lunga durata delle Terme di Recoaro. La Regione ha avviato una procedura per la valorizzazione del complesso termale del paese. «La rivalutazione delle specifiche realtà territoriali e la conservazione del complesso che custodisce una preziosa risorsa, le sue acque, rimangono infatti una priorità». Proprio per questo la giunta regionale ha già dato il via ad un avviso di evidenza pubblica vale a dire una manifestazione di interesse per raccogliere proposte finalizzate ad un affidamento in concessione totale o parziale del compendio per un arco temporale di lunga durata. BANDO ESPLORATIVO. «Il percorso è stato avviato in sinergia con le istituzioni locali - spiega in una nota della Regione il vicepresidente e assessore al patrimonio Gianluca Forcolin - e sta già mostrando i primi risultati, che si sono concretizzati con l’apertura delle fonti per la stagione turistica in corso. In questi ultimi anni inoltre sono già state svolte importanti opere di riqualificazione come il restauro di Villa Tonello, la sistemazione del parco del complesso termale e una serie di interventi manutentivi per garantirne l’attività». Ora, sottolinea Forcolin, «la nuova delibera consente di continuare a guardare positivamente e con ottimismo al futuro poiché incoraggia la realizzazione di un progetto di sviluppo per gli anni a venire in grado di favorire i necessari investimenti e di determinare effetti positivi per il turismo, per l’economia del territorio recoarese e dell’intera Valle dell’Agno». DA 21 A 50 ANNI. «Il bando di natura esplorativa per individuare gli operatori economici interessati a valorizzare l’intero complesso o i suoi ambiti funzionali in modo efficace ed efficiente per un periodo compreso tra ventuno e cinquant’anni - puntualizza Forcoliun - sarà messo nero su bianco nei prossimi mesi e sarà preceduto da una preventiva consultazione di mercato, che prende il via già da ora, All’esito dell’avviso potranno essere prese in considerazione anche eventuali proposte di acquisto di alcuni cespiti inutilizzati e non inerenti alla funzione termale». IPOTESI SPEZZATINO. In sostanza con la manifestazione d’interesse si punta a capire chi è interessato e a cosa. Ad esempio si potrebbero trovare acquirenti per Villa Tonello, per l’albergo Dolomiti e per il Giorgetti oppure per i locali dell’ex latteria, potrebbero esserci realtà interessate alla parte ambientale cioè al parco per creare un osservatorio o delle attrazioni specifiche. «Insomma - sintetizza Forcolin - visto che il boccone è grande ben venga anche uno spezzettamento con più soggetti interessati. Come Regione siamo aperti a tutte le soluzioni». I TEMPI. La Regione indica una tabella di marcia: «Contiamo di terminare questa prima fase esplorativa in un paio di mesi. Quello che ci sta a cuore è che i tempi necessari per la raccolta delle manifestazioni di interesse e per la successiva procedura di evidenza pubblica, con l’individuazione dell’operatore economico, dovranno essere tali da consentire l’avvio tempestivo della stagione termale per il 2020 in modo da evitare di trovarsi come negli ultimi anni all’ultimo minuto con l’acqua alla gola». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Luigi Cristina
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1