CHIUDI
CHIUDI

18.10.2019

Gran Caffè molto amaro Salasso da 100 mila euro

Il Gran Caffè Municipale è chiuso da due anni: beffa per il ComuneUn’immagine del bar simbolo del paese quando era aperto.  ARCHIVIO
Il Gran Caffè Municipale è chiuso da due anni: beffa per il ComuneUn’immagine del bar simbolo del paese quando era aperto. ARCHIVIO

Il Gran Caffè Municipale di Recoaro, di proprietà comunale, il locale che dovrebbe essere il biglietto da visita del paese e del quale molti turisti durante l’estate ne avevano richiesto a gran voce la riapertura, rimane con i battenti chiusi da circa due anni. Certo che, a giudicare dalle esperienze di gestione precedenti fatte durante l’amministrazione Ceola, forse è il minore dei mali. Sfiorano infatti ad oggi i 100 mila euro i soldi persi dal Comune tra i mancati pagamenti dell’affitto e le spese legali sborsate per lo storico locale che si trova proprio a piano terra dell’edificio che ospita il municipio: 30 mila da Ge.Com e 70 mila da Miki Food. «Nel dettaglio - spiega l’assessore al turismo Stefano Corrà - i canoni non corrisposti dal gestore Ge.Com srl ammontano a circa 30 mila euro ai quali va sommato il mancato periodo di preavviso, 13 mila euro: in totale 43 mila euro. Da questa cifra vanno però tolti i canoni pagati in modo ridotto per le spese dovuti ai lavori straordinari del valore di 14 mila euro». Con il precedente gestore Miki Food srls il Comune potrà invece inserirsi nel fallimento della società ma difficilmente riuscirà ad ottenere qualcosa visto che il titolare è irrintracciabile. Tra affitti, ricorsi e avvocati la gestione è costata al Comune 70 mila euro. Il locale era stato dato in locazione all’inizio gratuitamente per 8 mesi in cambio di lavori, si era realizzato il bagno per disabili, tinteggiato il locale, sostituito i serramenti esterni, costruito una scala di accesso e apportato altre migliorie. Successivamente con il bando l’offerta della società Miki Food srls. era stata giudicata non congrua e di conseguenza esclusa con una guerra trascinatasi in tribunale. Ora il Gran Caffè Municipale torna al centro del dibattito politico con una interrogazione della capogruppo di “Recoaro Cambia!” Sonia Benetti che ha portato la questione in consiglio comunale: dopo due anni di chiusura l’esponente di minoranza chiede notizie all’amministrazione per sapere cosa si stia facendo in vista di una riapertura che era stata anche promessa in campagna elettorale. Il vice sindaco Stefano Corrà ricostruisce quanto accaduto: «Abbiamo ereditato dall’amministrazione che ci ha preceduto una situazione complicata. Il locale era stato dato in gestione alla Ge.Com di Schio che poi ha comunicato il recesso unilaterale del contratto di locazione. Abbiamo cercato di trovare una soluzione insieme con il gestore ma alla fine le trattative si sono arenate e abbiamo deciso di procedere con un decreto ingiuntivo per il recupero del credito. Inoltre il locale va liberato dalla mobilia, banconi, poltrone e arredi, di proprietà dell’ex gestore. Poi metteremo sul mercato la struttura facendo un regolare bando. Lo stabile è ancora in buone condizioni». Benetti ribatte: «Si sono spesi molti soldi e dalla gestione di Miki Food, la penultima, non otterremo niente visto che la società è fallita ed è irrintracciabile. Vediamo come andrà a finire con Ge.Com». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Luigi Cristina
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1