CHIUDI
CHIUDI

27.11.2019

Branco vara una mini giunta Due assessori, esclusa la Lega

Il municipio di Recoaro: il sindaco ha varato la nuova giunta
Il municipio di Recoaro: il sindaco ha varato la nuova giunta

Al via il Branco bis. Il sindaco ha nominato la nuova giunta - una mini squadra di due assessori - con l’obiettivo di dipanare la matassa dello Sprar e portare avanti le opere pubbliche, superando l’impasse che si era venuta a creare con il siluramento dell’ex assessore Stefano Corrà e con le conseguenti dimissioni in blocco degli altri assessori, polemici con il primo cittadino. La nomina della nuova giunta era un passo necessario per continuare l’esperienza amministrativa, ma non sufficiente: rimane aperta la questione di trovare la conferma della fiducia in consiglio comunale, l’unica via che può permettere a Branco di governare nel lungo periodo. Per ora le distanze tra il gruppo di maggioranza e il sindaco sembrano aumentare. La nuova giunta comunale è composta da due assessori totalmente civici, senza legami con la Lega. Si tratta della consigliera di maggioranza Stefania Elisa Benetti che è stata nominata vice sindaco e assessore ai servizi sociali e alle associazioni e di Fabio Benetti, già referente sull’agricoltura e primo dei non eletti, che si occuperà di ambiente e territorio. Entrambi facevano parte della lista Branco fin dalla sua costituzione ed erano poi confluiti con altri in “Uniti per Recoaro” che ha vinto le elezioni amministrative del 2018. «Una scelta dettata dal rapporto di fiducia che ho con loro», sottolinea Branco, che poi inquadra la situazione attuale del paese: «La comunità sta attraversando un momento difficile a seguito dell’improvviso quanto ingiustificato abbandono della giunta da parte degli assessori precedentemente in carica. Era mio compito e mia responsabilità istituzionale garantire la governabilità del paese nominando una nuova giunta. Ora potremo riprendere a lavorare nell’interesse primario della comunità recoarese, che non vuole una crisi, auspicando la più ampia convergenza di tutti i gruppi consiliari che hanno a cuore il bene di Recoaro Terme». L’obiettivo del sindaco è «di mettere spalle al muro chi dice solo a parole di volere il bene del paese ma in realtà non agisce in tal senso». Si torna a punzecchiare la vecchia giunta e l’ex sindaco Stefano Corrà in particolare. Per il futuro, sulla possibilità di aumentare la squadra di giunta con altri assessori esterni, Branco sta facendo ulteriori riflessioni: «Per il momento l’urgenza era quella di evitare la paralisi dell’attività amministrativa. Il programma di mandato non cambia, ma c’è la disponibilità ad integrarlo con ogni suggerimento utile alla causa del paese». Tra i primi provvedimenti della nuova giunta ci sarà «il superamento dell’impasse sullo Sprar, che ha causato il momentaneo rallentamento dell’attività amministrativa». L’idea del sindaco, che ufficialmente non si sbilancia prima di averne discusso con i nuovi assessori, è quella di procedere alla revoca o alla sospensione della delibera di giunta che ha fatto uscire Recoaro dallo Sprar. L’ex assessore Stefano Corrà, silurato da Branco, critica questo modo di agire: «Si tratta di un gesto di scorrettezza, i nuovi assessori si sarebbero dovuti confrontare con la maggioranza visto che facevano parte della squadra di Uniti per Recoaro, la giunta è sempre più scollegata dalla maggioranza». Il futuro di questa amministrazione è tutto da scrivere. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Luigi Cristina
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1