CHIUDI
CHIUDI

05.07.2020 Tags: Valdagno , Cristina Visonà

Infermiera eroe
salva bagnante
svenuta in mare

Il mare del Salento dove la giovane turista si è sentita male
Il mare del Salento dove la giovane turista si è sentita male

Salva una mamma, svenuta in mare davanti al suo bambino di otto anni. Il tempestivo intervento di un’infermiera di Valdagno con due colleghi, una di Padova e l’altro di una casa di riposo del posto, ha impedito un’altra tragedia del mare.

 

Il salvataggio è avvenuto l’altro ieri pomeriggio sulla spiaggia di Marina di Pescoluse nel Salento, poco lontano da Porto Cesareo, dove lunedì scorso era morta annegata una mamma di 44 anni di Zanè. «Erano le 14 e stavo prendendo il sole in spiaggia  – racconta Cristina Visonà, 44 anni, infermiera nel reparto ortopedico dell’ospedale di Valdagno in vacanza nel Salento -. Ad un certo punto ho sentito le grida di un bambino che chiedeva aiuto. Sono corsa verso il mare ed ho visto una donna, che avrà avuto su per giù 35/40 anni, svenuta in acqua.  Non bisognava perdere tempo. Nel frattempo sono giunti due colleghi infermieri, che mi hanno aiutata a portare a riva la donna. Abbiamo subito messo in atto le operazioni di rianimazione, piegando sul fianco la signora e iniziando successivamente a praticare la compressione del torace».

 

La mamma, che probabilmente era stata colpita da un arresto respiratorio si è lentamente ripresa, nel frattempo sono giunti i medici dell’ambulanza, che l'hanno presa in cura.

 

Aristide Cariolato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1