CHIUDI
CHIUDI

23.05.2019

La mozione del 2018 agita il dibattito in vista delle elezioni

«Quella mozione andava portata all’esame del consiglio comunale». A dirlo Paola Bertocchi e Luca Cabianca, attuali candidata sindaco e candidato consigliere alle prossime amministrative, e all’epoca entrambi componenti della giunta Montagna. Il riferimento è ad una mozione presentata da alcuni consiglieri nel luglio del 2018 e riguardava fatti collegati ad un esposto inviato nel 2015 alla Corte dei Conti. Tornata d’attualità dopo che il sindaco Martino Montagna ha sporto denuncia dopo il ritrovamento di un volantino anonimo sulle stesse questioni. «Riteniamo che doveva essere discussa - sottolineano Bertocchi e Cabianca - quando è stata presentata, sia per fare chiarezza subito, sia per evitare che i contenuti venissero strumentalizzati in seguito. Il sindaco ha dichiarato che “la giunta all’unanimità” ha deciso di non inserire tale mozione all’ordine del giorno. Dato che ne facevamo parte, precisiamo che non esiste nessuna delibera di giunta che abbia espresso la volontà di non trattare l’argomento in consiglio comunale. Sia al sindaco, sia ai colleghi di giunta, sia al presidente del consiglio che ai consiglieri di maggioranza, i sottoscritti hanno fatto presente fin da subito la necessità e l’opportunità di trattare l’argomento in consiglio comunale, anche perché a nostro avviso la mozione non aveva contenuti diffamatori. Competeva, comunque, al consiglio comunale accettare o meno quanto richiesto nella mozione qualora fosse stata discussa». A distanza la replica del sindaco Martino Montagna. «Confermo che non c’è alcun atto formale della giunta – ribadisce il primo cittadino cornedese - ma anche nessun verbale da cui risulti che qualcuno volesse o meno discutere la mozione. Si è voluto rimettere la questione alla valutazione del prefetto che autonomamente ha chiesto un parere al ministero degli Interni. Quanto alle problematiche accennate nella mozione ribadisco che l’unica inchiesta per diffamazione riguarda chi la mozione la presentò». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

G.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1