CHIUDI
CHIUDI

12.02.2020

Domani l’addio all’escursionista volata nel dirupo

Nadia Nuvola,  44 anni. Domenica l’incidente fatale in montagna
Nadia Nuvola, 44 anni. Domenica l’incidente fatale in montagna

Il cordoglio di due comunità, quella di Cornedo, dove abitava, e quella di Valdagno, dove lavorava come dipendente del Comune. I parenti e i tanti amici e conoscenti si troveranno domani alle 15 nella chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista a Cornedo per dare l’estremo saluto a Nadia Nuvola, vittima a 44 anni di un incidente in montagna, quella montagna che tanto amava, e dove ha trovato la morte nel tragico pomeriggio di domenica scorsa, finendo a seguito di una scivolata in un dirupo dopo un volo di 300 metri. La donna stava scendendo lungo il sentiero dal rifugio Scalorbi a passo Tre Ccroci sulle Piccole Dolomiti ed era in compagnia dell’amico di escursioni, l’architetto Marco Bolzon, incolume: entrambi erano impiegati nello stesso ufficio ai lavori pubblici del comune di Valdagno, che resterà chiuso al pubblico il pomeriggio di giovedì per consentire ai colleghi di partecipare alle esequie della collega. Nadia Nuvola lascia, la mamma Vania e il papà Alfonso, le figliolette Sarah e Chiara con il papà Luca, Marco e il fratello Nicola con Elisabetta. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

A.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1