Recoaro

Cigno violento trasferito a Laghi. Al parco Fortuna ne sono arrivati due neri

Nuova coppia di cigni neri è arrivata nel laghetto inferiore del parco Fortuna (Foto L. Cristina)
Nuova coppia di cigni neri è arrivata nel laghetto inferiore del parco Fortuna (Foto L. Cristina)
Nuova coppia di cigni neri è arrivata nel laghetto inferiore del parco Fortuna (Foto L. Cristina)
Nuova coppia di cigni neri è arrivata nel laghetto inferiore del parco Fortuna (Foto L. Cristina)

A Recoaro i laghetti del parco Fortuna tornano a popolarsi di cigni. Oltre ai bianchi Smeraldo e Ortensia che vivono nello specchio d’acqua superiore, in quello inferiore è arrivata una nuova coppia di cigni neri. E su sulla pagina Facebook del Comune, fino al 15 agosto, si potrà votare proponendo un nome per i nuovi arrivati. Le proposte ritenute migliori saranno messe ai voti e a settembre si decideranno i nomi. Chi vota dovrà esprimere due scelte, una maschile e una femminile, e ogni partecipante dovrà esprimere al massimo una proposta. La rispondenza dei nomi in rapporto al territorio recoarese, alle sue peculiarità e alla sua storia saranno un plus di particolare valore. In pochi giorni si sono espresse 156 persone con proposte varie. Si va da Nerina e Nerone a Gnocco e Fioretta, fino a Sisilla e Obante, Anguana e Salbaneo ma la fantasia spazia un po’ su tutti i campi. La coppia di affascinanti cigni neri è stata donata da due attività recoaresi, arriva da un allevamento di Loria in provincia di Treviso e ha trovato casa nel laghetto inferiore. A occuparsi delle cose pratiche è stato Dorino Stocchero, ex agente di polizia provinciale.

Lo stagno superiore, invece, rimarrà la casa della coppia di cigni bianchi reali adulti. Hanno 6 anni e provengono da Curtarolo nel Padovano: erano stati donati dall’azienda Recoaro che fa parte del gruppo Refresco a giugno 2019. I nomi Futuro e Speranza erano stati scelti dai bimbi delle scuole lementari dell’istituto comprensivo “Artusi” per la coppia di giovani cigni bianchi che abitavano nel laghetto inferiore e che non hanno avuto una vita fortunata. Erano orfani visto che il padre era stato ucciso a bastonate e la madre era morta di crepacuore a seguito di questo gesto vandalico. Speranza è deceduta deponendo il suo primo uovo e Futuro ha manifestato più volte aggressività tanto che Stocchero aveva già salvato la femmina e diviso i due cigni per evitare pericoli. Ora il maschio bianco Futuro è stato donato al Comune di Laghi dove, in un’area più vasta, si troverà meglio e non costituirà problemi.

La nuova coppia di cigni neri ha 4 anni. «La differenza tra quelli bianchi e quelli neri non è solo quella più evidente vale a dire la colorazione: il nero ha dimensioni più ridotte e pesa 4-5 chili mentre il bianco 6-7. Inoltre ha occhi rossi, il becco rosso con la punta bianca e sotto l’ala penne bianche. In più facendo le debite proporzioni ha il collo più lungo», spiega l’esperto Stocchero. Insomma Recoaro torna ad avere tutti e due i laghetti popolati per la gioia dei più piccoli ma non solo. Per non parlare poi degli amanti della fotografia che si divertono a immortalarli nella loro bellezza statuaria.

«Siamo felici - sottolinea il primo cittadino Armando Cunegato - di aver accolto questa nuova coppia di cigni neri: una nuova attrazione per l’intero paese. Conto che Recoaro li senta come nuovi “cittadini”, che li rispetti e se ne prenda cura. Un grazie di cuore va a Dorino Stocchero che ha curato tutto l’iter fino alla liberazione al parco Fortuna e a chi ha voluto sostenere le spese».

 

Luigi Cristina