Dueville

Si sente male in casa, maestra di 50 anni trovata morta

L'intervento dei carabinieri a Dueville
L'intervento dei carabinieri a Dueville
L'intervento dei carabinieri a Dueville
L'intervento dei carabinieri a Dueville

La comunità di Dueville piange l'improvvisa scomparsa di Stefania Conte, maestra di 50 anni che si è spenta nella notte tra lunedì e martedì. Viveva da sola in un appartamento in via Monte Zebio, nello stesso condominio in cui sono residenti i genitori Mario Conte ed Emerenziana Toscan. Lunedì sera, in una telefonata, aveva parlato con loro - in quel momento si trovavano in vacanza in Puglia - lamentando un malessere che in un primo momento non pareva particolarmente preoccupante. Allarmati dallo stato di salute della figlia, che da anni soffriva di alcune patologie gravi, padre e madre sono rincasati: ieri mattina hanno più volte bussato alla porta dell'abitazione in cui viveva la 50enne e, non ricevendo alcuna risposta, sono entrati con le chiavi di scorta. All'interno, la tragica scoperta. Immediata la richiesta di soccorso al Suem, intervenuto con un'ambulanza. Il personale medico del 118 non ha potuto far altro che constatare il decesso, probabilmente avvenuto diverse ore prima. Nella zona residenziale duevillese è giunta anche una pattuglia della tenenza dei carabinieri di Dueville che hanno effettuato i rilievi e gli accertamenti del caso. Le prime ipotesi formulate dai militari indicherebbero una morte avvenuta per cause naturali. Il pubblico ministero ha comunque disposto il trasferimento della salma alle celle mortuarie dell'ospedale di Vicenza. Nelle prossime ore, infatti, l'autorità giudiziaria valuterà se richiedere l'autopsia per stabilire con precisione cosa possa aver provocato il decesso.

Nel mentre, già nel pomeriggio di ieri, è arrivato il messaggio di cordoglio da parte del dirigente scolastico e di tutto il personale dell'istituto comprensivo Roncalli di Dueville dove Stefania Conte lavorava. Dagli anni '90 insegnava la lingua inglese nelle scuole primarie del paese. Nell'ultimo periodo era stata docente alla Don Bosco di Povolaro, mentre da un anno aveva iniziato a svolgere attività di supporto amministrativo nella sede principale della Roncalli. «Questa bruttissima notizia è stato un duro colpo per tutti», ha dichiarato il dirigente scolastico Cosimo Basile. «A nome dell'amministrazione comunale esprimo sincero cordoglio per la scomparsa in così giovane età di una insegnante che tanto ha dato alla nostra comunità scolastica», ha aggiunto il sindaco Giusy Armiletti. «L'affettuoso ricordo da parte di colleghi e ragazzi possa essere di conforto ai familiari, ai quali esprimiamo le nostre più sentite condoglianze».

Marco Billo