CHIUDI
CHIUDI

09.07.2019

Sfida a colpi di “piatti stellati” per creare gruppo in azienda

Cosa spinge datori di lavoro, dirigenti e dipendenti tutti di una azienda ad sfidarsi ai fornelli in una mattina di inizio estate per decretare chi è l’emulo di Carlo Cracco? La risposta se l’è data la Omis Spa di Sandrigo, da 50 anni leader nella costruzione di carroponti, con varie sedi produttive in Italia e una in Brasile, ed il termine tecnico è “team building”, letteralmente “costruzione della squadra”, ma nella sostanza è quell’insieme di attività che servono a far interagire un gruppo di persone (in genere della stessa azienda) allo scopo di migliorarne la capacità di lavorare in squadra. La sfida lanciata da Giulia e Laura De Toni e da Ronny e Fabrizio Bellotto, seconda generazione dei fondatori di Omis nel 1967, Franco Bellotto e Ugo De Toni si è giocata nello splendido giardino di villa Bonetti a Monte Berico, sulle colline di Vicenza, dove i due chef stellati, Lorenzo Cogo (El Coq di Vicenza) e Matteo Grandi (Degusto di San Bonifacio) hanno ideato due ricette originali, rispettivamente gli gnocchi alle melanzane e i paccheri al sugo di polpette, con le quali i dipendenti della Omis, divisi in due squadre i bianchi e i blu, si sono sfidati senza esclusione di colpi... anche bassi, tipo “rubare” il pepe. Incredibile l’impegno messo in campo, nonostante il caldo torrido, le due squadre hanno cucinato 60 porzioni a testa, prima l’assaggio della giuria e poi tutti a pranzo. L’alto livello delle esecuzioni ha messo in difficoltà i giudici che hanno optato per una salomonica parità. La coppa finirà in azienda a Sandrigo e tutti potranno dire di aver contribuito per una parte. Un po’ la filosofia di queste giornate che vedono fianco a fianco il dirigente con l’ultimo dei giovani assunti. «Il senso - conferma Giulia De Toni, responsabile marketing e comunicazione - è creare sintonia e sinergia tra i nostri dipendenti che lavorano in tutta Italia e anche all'estero, mettendo sullo stesso piano ingegneri e commerciali, che partono da due filosofie diverse, ma possono arrivare a capirsi. Quest'anno in particolare che stiamo implementando in azienda la filosofia lean che privilegia il flusso continuo produttivo e la riduzione degli sprechi, ci piaceva l'idea di un contest di cucina dove si lavora in team e a flusso continuo». Gli stessi soci hanno indossato il grembiule e si sono sporcati le mani, Laura De Toni, direttore generale e sfera amministrativa, Ronny Bellotto, responsabile vendite e Fabrizio Bellotto responsabile sicurezza e ambiente, assieme al direttore operation Giuliano Scanavin: «Mescolare le competenze e i modi di lavorare e di vivere è fondamentale per creare spirito di squadra - ha concluso Giulia - noi ci abbimo sempre creduto, un anno ci siamo dedicati al trekking e siamo arrivati sino ad un rifugio in Valformica, l'anno scorso ci siamo sfidati in orienteering a Venezia. Gran cerimoniere di questi particolari contest è Vinicio Mascarello, emotional event planner, che tradotto significa che se volete organizzare un evento che resti nei ricordi, che sia un matrimonio, o una festa aziendale, lui è l’uomo giusto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alberto Tonello
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1