CHIUDI
CHIUDI

15.06.2019

Classi rimescolate L’ira dei genitori «Ma è l’unica via»

Lo storico edificio che ospita le scuole elementari a Marano
Lo storico edificio che ospita le scuole elementari a Marano

Caos classi seconde: alle elementari di Marano è tutto da rifare. La notizia è esplosa l'ultimo giorno di scuola, mandando in agitazione decine di famiglie che all'inizio del nuovo anno scolastico assisteranno al rimescolamento delle quattro sezioni esistenti al fine di crearne una quinta. A settembre dunque gli alunni che entreranno in terza dovranno dire addio a molti di quelli che per due anni sono stati i loro compagni di classe, e dare il benvenuto a nuovi bambini, a loro volta spostati dalla sezione originale. Il cambiamento coinvolgerà anche il corpo insegnanti che verrà ridistribuito in base alle nuove esigenze. Tutte queste novità sono state comunicate alle famiglie dal preside Giovanni Bettanin durante un infuocato incontro svoltosi giovedì pomeriggio in Auditorium, dove i toni si sono velocemente accesi e più di qualche genitore ha minacciato di trasferire il proprio figlio in un'altra scuola. «Se siamo arrivati a questa soluzione è perché la situazione di tutte le classi seconde era molto preoccupante - ha esordito il preside Bettanin - Nel corso dell'anno abbiamo cercato di affrontare le varie problematiche che emergevano concentrando tutte le risorse dell'istituto in queste quattro sezioni, aumentando le ore di compresenza e utilizzando le maestre di sostegno. Ma oltre a non risolvere le criticità, questa soluzione ci ha tolto risorse per le classi prime, generalmente le più bisognose di supporto». Per questo motivo il preside, in accordo con le maestre e basandosi sul fatto che nelle quattro sezioni esistenti sono presenti molti bambini certificati, ha chiesto e ottenuto dal Provveditorato l'assegnazione di un'ulteriore classe in modo da poter rimescolare gli alunni. Un’operazione di cui le famiglie sono venute a conoscenza la settimana scorsa: «Avete avuto un anno intero per dirci che c'erano problemi nelle seconde - hanno affermato arrabbiati i genitori - ma solo ora veniamo a sapere che le difficoltà sono talmente gravi da richiedere il rimescolamento delle classi. Una soluzione che potrebbe anche non risolvere le criticità, ma che di certo si ripercuoterà negativamente sui nostri figli che verranno strappati dai loro compagni». «Solo a maggio inoltrato ho ottenuto dal Provveditorato il via libera - ha precisato il preside - e ho potuto comunicarvi ciò che avevamo in mente. Inoltre abbiamo preferito non dire nulla nel corso dell'anno per far lavorare le classi in tranquillità, senza influenze esterne. Mi metto nei vostri panni e so che questa operazione può spaventare, ma non è la prima volta che la faccio; a Isola vicentina mi è capitato tre volte, e devo dire che è andata bene. Con cinque sezioni al posto di quattro avremo classi meno numerose, al massimo 17/18 alunni, e meglio assortite, dove bambini e maestre riusciranno a lavorare meglio. Vi assicuro che il rimescolamento verrà fatto con sensibilità e rispetto verso le relazioni instaurate dagli alunni». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandra Dall'Igna
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1