CHIUDI
CHIUDI

09.02.2020 Tags: Sandrigo

La popolazione è in calo Persi ben 113 residenti

Il municipio di Sandrigo: saldo negativo per la popolazione nel 2019
Il municipio di Sandrigo: saldo negativo per la popolazione nel 2019

La popolazione che risiede a Sandrigo ha subito un netto stop quanto a crescita numerica. Il 31 dicembre 2019 all’anagrafe sono stati registrati 8.345 residenti (di cui 4.112 maschi e 4.233 femmine), contro gli 8.458 di dodici mesi prima, ben 113 persone in meno. Un dato che rappresenta un’inversione di tendenza rispetto al trend positivo che risaliva al biennio 2017-18 che aveva a sua volta ribaltato l’andamento dei precedenti sei anni, dopo che Sandrigo aveva toccato il suo massimo storico di 8.665 abitanti alla fine del 2010, al termine di un quindicennio in cui si era registrato un aumento di più di mille unità. Stabile invece il numero delle famiglie, che si confermano 3.372, a significare però che, di fronte ad un calo degli abitanti, i nuclei in percentuale sono composti da sempre meno persone. Come dimostrano i dati gentilmente forniti dall’ufficio anagrafe del Comune, il forte decremento che riguarda la demografia locale è determinato sia dal saldo naturale vivi-morti sia dal movimento migratorio iscritti-cancellati. Infatti a fronte di 212 immigrati provenienti da altri comuni sono stati ben 299 gli ormai ex sandricensi che sono andati a risiedere altrove. Ancora più significativo il computo tra i nati ed i morti che invece è di -26, dal momento che ancora una volta le mortalità hanno largamente superato i fiocchi rosa o azzurri. Mentre i nati nel 2019 sono stati 59 (sei meno del 2018), di cui 36 maschi e 23 femmine, i decessi sono stati 85 (quindici più dell’anno precedente), di cui 32 maschi e 53 femmine. Da parecchi anni le nascite sono assai inferiori rispetto ai primi anni Duemila, quando il loro numero avvicinava o persino superava le cento unità. Calano di conseguenza anche gli stranieri residenti in paese, che sono 686 (331 maschi e 355 femmine), quaranta in meno rispetto ad un anno prima. I dati indicano che sono provenienti soprattutto da Romania (148 persone), Albania (71), Marocco (52), Senegal (49), Moldavia (44) e Bosnia (40). • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Giordano Dellai
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1