CHIUDI
CHIUDI

20.03.2020 Tags: Zanè

In coma dopo
l'urto, ora paga
le spese legali

I resti delle auto dopo l’incidente del 2011 a Zanè. STELLA
I resti delle auto dopo l’incidente del 2011 a Zanè. STELLA

Il tribunale ha respinto la richiesta danni milionaria di una donna di Thiene, che sosteneva che l'incidente che le aveva stravolto la vita - per il quale era stata in coma più di due mesi -, era stato provocato dal mancato funzionamento degli airbag a causa di un errore del meccanico, cui aveva consegnato la macchina per lavori in seguito a un precedente incidente. In realtà, il giudice ha stabilito che l'automobilista era stata avvertita dall'artigiano che il meccanismo degli airbag non era stato messo a posto, ma lei aveva ugualmente preso la vettura perché le serviva per lavoro, dicendo che sarebbe tornata l'indomani. Avendo perso la causa deve pagare le spese alla controparte.

Ivano Tolettini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1