Sandrigo

Finto bancario le svuota il conto corrente: spariti 12mila euro

Il finto bancario le svuota il conto corrente, portandole via 12 mila euro.

I carabinieri sono riusciti a risalire al presunto autore di una truffa. A  fine febbraio una 25enne di Sandrigo si è rivolta ai militari e ha spiegato che il giorno prima aveva ricevuto un sms da un numero registrato come “GruppoIPS” nel quale la si invitava a connettersi ad un link per questioni di sicurezza bancaria. 

Dopo essersi collegata al sito, che riportava i loghi di un noto gruppo bancario, le veniva richiesto di digitare il suo codice titolare, pin e numero di cellulare.

Poco dopo riceveva una telefonata il cui interlocutore si presentava come addetto della banca e che le diceva, con voce calma e sicura, di dover attuare una procedura urgente per bloccare il conto e salvaguardare i suoi risparmi da un possibile attacco di un hacker.

Successivamente la vittima riceveva degli sms, stavolta dalla sua vera banca, nei quali veniva informata che c’erano dei movimenti anomali sul suo conto, ma lei inconsapevolmente, sempre più convinta che il suo interlocutore fosse veramente un operatore che la stava aiutando, gli forniva i codici di sblocco.

Al termine delle operazioni la giovane riceveva una nuova telefonata, questa volta però da un vero dipendente della sua banca che la informava della truffa. 

La malcapitata a quel punto non poteva far altro che stampare la lista movimenti e rendersi conto che il finto addetto bancario, una volta ricevuto i suoi dati, che lei stessa in buona fede gli aveva comunicato, aveva effettuato quattro ricariche e un bonifico a suo favore per un totale di quasi 12 mila euro. 

Le indagini dei militari si sono concentrate sull’analisi dei dati informatici, telefonici e bancari e hanno permesso di arrivare ad individuare colui che è ritenuto l’autore della truffa, A.J., 26enne incensurato, nato a Siracusa ma residente a Potenza. 

 

Suggerimenti