CHIUDI
CHIUDI

22.02.2020 Tags: Marano Vicentino

Farmacia
devastata
per un mini-furto

A sinistra la vetrina divelta della farmacia a Marano
A sinistra la vetrina divelta della farmacia a Marano

Nella notte tra mercoledì e giovedì, non è finita solo Breganze nel mirino dei ladri: un colpo, non è l'unico pare, è stato messo a segno anche nella farmacia di viale Europa a Marano Vicentino. «Il sistema di videosorveglianza ci ha mostrato un individuo, alto e con il volto coperto, che alle 2.30 ha sfondato la nostra vetrina con un piede di porco», conferma l'amministratore dell'attività, Alfredo Pevarello. «Non so come ci sia riuscito, ma in due minuti ha fatto crollare la lastra di vetro antisfondamento contro il bancone. Entrando ha fatto cadere prodotti e scaffali: il suo obiettivo era il registratore di cassa, all'interno del quale c'erano più di 300 euro in contanti. Dopo averlo rubato si è dato alla fuga».

 

I titolari della farmacia ora stanno valutando a quanto potrebbero ammontare complessivamente i danni subiti dalla struttura. «Da una stima iniziale potrebbero superare i 5 mila euro», aggiunge Pevarello. «Abbiamo aperto nel 2018 ed è la prima volta che ci capita un episodio di questo tipo. Siamo tutti senza parole, sconfortati, ma allo stesso tempo intenzionati a superare questo momento difficile. Una farmacia è un presidio di salute perciò i danni provocati risultano doppi e, oltre che su di noi, hanno una ricaduta anche sulla comunità. Dopo questo furto non terremo più contanti nella cassa e incrementeremo i sistemi per difenderci dai ladri».

 

Non è chiaro se il colpo messo a segno a Marano sia legato alle razzie avvenute la stessa notte a circa dieci chilometri di distanza. Tra le 3 e le 4, infatti, alcuni ignoti hanno forzato le serrature di quattro negozi, di un bar, della sede Acli e della casa di riposo di Breganze. Sugli episodi, tutti denunciati, stanno indagando i carabinieri della Compagnia di Thiene. I militari hanno visionato le registrazioni dei sistemi di videosorveglianza pubblici e privati per ricostruire gli spostamenti dei malviventi e risalire alla loro identità. 

Marco Billo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1