Il diario/4

Faresin, "operazione" Danubio alla tappa finale. Spedizione approdata a Bratislava

navigazione sul Danubio

Questa mattina l'uomo del kayak di Sandrigo, Beppe Faresin, ha completato con Simone Campagnolo e Marco Billo il viaggio in canoa sul Danubio. Sono 360 i chilometri affrontati in poco più di 8 giorni di navigazione, partendo dalla città tedesca di Passau, attraversando l'Austria e approdando infine a Bratislava.

«Una spedizione che si è rilevata più impegnativa del previsto, con il vento e le correnti a metterci i bastoni tra le ruote. Abbiamo rischiato di non arrivare a destinazione nei tempi previsti, ma l'affiatamento e la determinazione dell'equipaggio ci hanno consentito di raggiungere la meta come da programma», racconta Faresin.

«Con questo viaggio ho completato l'itinerario che 12 anni fa affrontai da Vienna fino alla Romania. È stato anche l'occasione di ravvivare ricordi e rinsaldare vecchie amicizie: infatti ad attenderci all'arrivo c'era la stessa delegazione di Unicef Slovacchia che nel 2010 mi accolse nella capitale». Come per le altre imprese affrontate in passato, anche le pagaiate sul fiume europeo hanno sostenuto un'iniziativa benefica. Il sandricense, infatti, ha deciso di donare 5 euro per ogni chilometro superato a Medici con l'Africa Cuamm.

 

Marco Billo