Dueville

È violento contro la compagna: neopapà allontanato da casa

Ubriaco fradicio, se l’era presa con la fidanzata, che in braccio aveva il figlioletto di appena 40 giorni, con i vicini e anche con i carabinieri. Dopo aver scatenato un pandemonio, è stato denunciato per maltrattamenti in famiglia, resistenza a pubblico ufficiale, porto di oggetti atti ad offendere e minaccia grave, ed è stato allontanato d’urgenza dalla sua abitazione. Il provvedimento, previsto dalla norma sul codice rosso, è scattato per una delle prime volte nel Vicentino sabato sera a carico di un operaio di 24 anni di Dueville. Il giovane (di cui non pubblichiamo le generalità per non rendere riconoscibile il figlioletto) dovrà essere sentito dal giudice per la convalida della misura cautelare, e potrà difendersi dalle accuse che gli vengono mosse dal pubblico ministero Mariaelena Pinna, che ha coordinato l’intervento dei carabinieri della tenenza di Dueville, guidati dal tenente Federico Seracini.
Quella sera il giovane, molto su di giri per l’alcol bevuto in quantità, se l’era presa con la fidanzata, sua coetanea. Aveva iniziato a urlare a a sbattere le porte, danneggiandone due con un manganello. I vicini, spaventati, avevano chiesto l’intervento del 112; e lui, inviperito per la circostanza, sarebbe uscito con lo stesso manganello minacciando la famiglia che gli abita a fianco. All’arrivo della pattuglia non si sarebbe calmato per nulla e avrebbe scatenato il diavolo a quattro, tanto che era stato necessario sollecitare anche l’intervento di una seconda pattuglia del radiomobile di Thiene, per trasportarlo in caserma.
L’operaio era stato disarmato ma avrebbe continuato il suo show, carburato dalle bibite assunte in quantità, tanto da meritarsi anche una nuova denuncia. Nel frattempo la compagna, spaventata, aveva raccontato agli inquirenti che il compagno quella sera era fuori di sé ed aveva temuto per la sua incolumità; non sarebbe stata la prima volta che l’operaio, già noto alle cronache ma per altre vicende, non si comportava correttamente nei suoi confronti, nonostante fossero appena diventati genitori. Sul punto, però, sono in corso gli accertamenti.
Gli inquirenti hanno deciso di procedere con l’allontanamento, senza passare per il giudice, ritenuto che fossero necessario intervenire immediatamente per la tutela della neo mamma. Pertanto, il giovane non potrà rimettere piede a casa o nei luoghi frequentati dalla compagna; è stato ospitato dal papà che vive a Vicenza. 

 

Diego Neri - Marco Billo