CHIUDI
CHIUDI

04.02.2020

Doposcuola per un disabile Pronti trenta volontari

«Per una scuola sempre più inclusiva». È l’appello lanciato dall’istituto comprensivo di Lugo, in collaborazione con l’amministrazione comunale guidata dall’assessore alla cultura e pubblica istruzione Stefania Carollo. L’obiettivo è offrire ad uno studente con disabilità la possibilità di frequentare il doposcuola con i compagni. La risposta è stata numerosa: trenta volontari (23 insegnanti e 7 cittadini) sono scesi in campo gratuitamente. «È una sperimentazione: è la prima volta che viene svolto questo progetto, ma puntiamo ad estenderlo per altri ragazzi – commenta il vicepreside della scuola secondaria e insegnante di sostegno, Daniele Dalla Costa –. Per due pomeriggi alla settimana, lo studente, grazie ai volontari, può fare i compiti e svolgere attività ricreative. Oltre a questo, per il nostro progetto inclusione, abbiamo destinato un finanziamento all’acquisto di una k-bike. L’obiettivo è far partecipare tutti alla prossima uscita scolastica alla scoperta dei sentieri della Grande Guerra dell’Altopiano di Asiago». © RIPRODUZIONE RISERVATA

CH.FE.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1