CHIUDI
CHIUDI

22.08.2019

I moschettoni rubati tornati dopo l’appello

I moschettoni rubati e restituiti e la lettera di scuse. DAL CEREDO
I moschettoni rubati e restituiti e la lettera di scuse. DAL CEREDO

Ferragosto con il furto a Torrebelvicino, ma i giovani ladruncoli si pentono, o forse temono di essere scoperti, e restituiscono il maltolto. Nella notte del 16 agosto qualcuno aveva fatto man bassa dei moschettoni appesi alla parete di arrampicata all’aperto nel cortile del negozio Zamberlan Mountain Sport di Pievebelvicino e i titolari dell’attività si erano subito messi in moto per cercare di recuperarli, probabilmente non tanto per il valore economico del materiale, quanto per una questione di principio. Il giorno dopo, avvalendosi delle potenzialità dei social, avevano pubblicato un annuncio molto chiaro nel concetto: in pratica, o saltavano fuori i moschettoni o scattava la denuncia. In un passaggio era evidenziato infatti che «il fatto è stato registrato dalle telecamere di sorveglianza, i filmati sono già stati consegnati ai carabinieri di Valli, se non viene consegnato il maltolto verrà fatta regolare denuncia per furto e verranno presi i provvedimenti del caso». Un tipo di messaggio che in altre occasioni e con altre vittime di furto purtroppo non ha quasi mai effetto, ma stavolta invece l’epilogo è stato positivo. Quattro giorni dopo dal negozio hanno fatto sapere che tutti i moschettoni erano magicamente riapparsi «forse per buonsenso o forse per la paura della denuncia». Il materiale ritrovato era inoltre accompagnato da un bigliettino scritto a mano, in corsivo, riportante delle scuse formali. «Ci scusiamo per ciò che è successo - si leggeva - ci siamo resi conto di aver fatto una cavolata che non è servita a nulla, eravamo in un momento di festa e non abbiamo ragionato prima di agire, non abbiamo riflettuto sulle ripercussioni. Vi riportiamo tutti i moschettoni e vi chiediamo ancora venia, anche per l’atteggiamento. Faremo in modo di non recare più danno o disturbo a voi e alla struttura o altro». Firmato “i ragazzi dei moschettoni del 16/08”. Una storia finita bene, anche se comunque i titolari dell’attività hanno sollecitato un comportamento migliore per i frequentatori dell’area, in cui troppo spesso trovano rifiuti e rimasugli vari abbandonati. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Silvia Dal Ceredo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1