Schio

Sfonda con un pugno la vetrata e fa scoppiare il caos in stazione

Ancora un episodio sopra le righe per Safa Eddine Rabeh, 42 anni, il tunisino che è riuscito e evitare per tre volte il rimpatrio rifiutandosi di sottoporsi al tampone prima di salire in aereo. Domenica sera, mentre i tifosi rossoneri facevano esplodere tutta la loro gioia percorrendo a suon di clacson le vie del centro di Schio, lui ha scaricato tutta la sua rabbia alla stazione. In evidente stato di alterazione psicofisica, l’uomo se l’è presa prima con il titolare e gli avventori del bar, poi ha puntato verso la porta di accesso ai treni e, con un pugno, ha sfondato il vetro, procurandosi varie ferite. Vistosamente sanguinante, si è poi buttato  in mezzo alla strada fra lo stupore generale, dove in breve tempo è stato raggiunto da un’ambulanza, che l’ha portato in ospedale. Intervenuta anche la polizia locale, per deviare il traffico.