CHIUDI
CHIUDI

12.09.2019

Esami e visite rinviati «Mancano i radiologi»

L’ospedale Alto vicentino di Santorso
L’ospedale Alto vicentino di Santorso

Mauro Sartori Matteo Carollo La signora ha il giovane figlio di 28 anni invalido, uscito da un tumore per il quale è ancora sotto cura all’ospedale di Santorso. Abita in un paese della pedemontana. Il 6 agosto gli viene prescritta una risonanza magnetica entro 20-30 giorni ma le dicono che dovrà aspettare novembre ed andare in un centro convenzionato ad Altavilla. Non ci vede più e va dai carabinieri con l’intenzione di denunciare l’Ulss. Poi riesce a parlare con qualcuno della direzione sanitaria che le spiega la situazione. «Però se non ci sono medici o radiologi non sono problemi che devono ricadere sul paziente». LA PROTESTA. Non è l’unico caso. Altre testimonianze di visite annullate arrivano. Accade in tutte le Ulss e in tutti gli ospedali. A Santorso però c’è un problema di carenza di medici di alcune specializzazioni che acuisce la situazione. Ma torniamo alla mamma infuriata: «Mio figlio deve fare la risonanza entro massimo un mese ma mi dicono che devo aspettare novembre, ed andare ad Altavilla. Con un dirigente medico ci siamo presi a parole e ha minacciato pure lui di far intervenire le forze dell’ordine. Un altro, più gentile, mi ha assicurato che sistemerà la cosa». LA RISPOSTA. La direzione sanitaria precisa: «L’esame richiesto era un controllo post intervento, quest’ultimo tra l’altro svolto in un altro ospedale. Tanto è vero che la prescrizione, datata 6 agosto parla genericamente di un controllo da eseguire entro 20-30 giorni. Naturalmente comprendiamo la delicatezza con cui il paziente e i suoi familiari hanno vissuto le ultime settimane, antecedenti l’operazione, tuttavia è doveroso rilevare che non è minacciando di rivolgersi ai carabinieri - che per altro non avevano alcun motivo per intervenire - o peggio ancora sottoponendo il personale sanitario al ricatto mediatico, che è possibile migliorare una situazione che è di generale e oggettiva difficoltà, per la ben nota carenza di medici. Tra le figure più carenti, infatti, vi sono proprio gli specialisti in radiologia. In ogni caso la direzione sanitaria aveva incontrato la signora per spiegare il corretto iter e per cercare una soluzione. L’esame è stato così già fissato per il 18 settembre. Va da sé che per farlo è stato posticipato l’esame di un altro paziente: non vorremmo che, in un momento di grave carenza di risorse, si andasse verso un sistema in cui chi urla più forte ottiene prima la prestazione». A chiusura, l’Ulss 7 ribadisce come un esame svolto in una struttura privata convenzionata non abbia costi extra per l’utente. IN PRIVATO. «Sono tutrice di un anziano che ad ottobre deve rinnovare la patente - spiega una scledense -. Ad aprile ho iniziato le pratiche per le visite, tra cui quella cardiologica». La donna spiega che il suo assistito ha gravi problemi. «Mi hanno risposto che non c’era posto; dopo mesi, all’ex ospedale De Lellis, mi hanno dato la stessa risposta. Ho dovuto fare la visita in privato». «La visita diabetologica, poi, era fissata per il 4 settembre; ma il 30 agosto mi hanno avvisato che non si poteva fare in quanto non ci sono medici, poi mi hanno rimandata a marzo. Ho prenotato in privato e ho avuto un appuntamento ad ottobre, proprio con la dottoressa con la quale eravamo in attesa al De Lellis». Per la visita pneumologica, all’ospedale di Santorso, è stata proposta un’impegnativa dopo un anno. «Poi mi hanno detto che mi ricontatteranno e che se ne parlerà per il 2022». La scledense ha dovuto prenotare le visite in privato, ma i termini per la patente sono trascorsi e sborserà altri soldi. «Io che vivo sola, se ho bisogno, cosa devo fare? Pagare tutto?». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Mauro Sartori Matteo Carollo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1