CHIUDI
CHIUDI

02.07.2020 Tags: Schio , Serghei Nilov

Presunto killer
verrà estradato
in Germania

Schio, il luogo dove venne arrestato Nilov mentre rientrava a casa dal lavoro
Schio, il luogo dove venne arrestato Nilov mentre rientrava a casa dal lavoro

Serghei Nilov, operaio moldavo di 59 anni, residente a Schio, dovrà essere estradato in Germania dove la magistratura tedesca ha chiesto di poterlo processare per l'omicidio di Frank Eberl, avvenuto a Berlino il 3 marzo 1998. Lo ha deciso la Corte di Cassazione che ha così rigettato il ricorso presentato dagli avvocati di Nilov.

I legali dell'operaio ora chiederanno che la procura di Berlino revochi il mandato d'arresto che pende nei confronti del 59enne visto che in tutto questo periodo, da quando cioè è riemersa la sua vicenda, ha continuato a vivere la propria vita mantenendo le stesse abitudini e il suo lavoro in una fabbrica a San Vito di Leguzzano.

Nilov, arrestato il 1 marzo 2019 in seguito ad un mandato di cattura internazionale, ha sempre proclamato la sua innocenza: «Con questa tragica vicenda non c'entro nulla, io non ho mai ucciso nessuno».  

Matteo Bernardini
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1