CHIUDI
CHIUDI

12.03.2019

Si rifugia nella toilette Pregiudicato espulso

Kita Vilson davanti al bar in cui è stato bloccato dai carabinieri
Kita Vilson davanti al bar in cui è stato bloccato dai carabinieri

Quando vede entrare gli uomini in divisa si precipita in bagno ma questo serve solo ad alimentare i loro sospetti, visto che dalla toilette non si decide ad uscire. Così viene controllato e rispedito in patria Kita Vilson, 30 anni, albanese, colpito da un decreto di espulsione emesso dalla Prefettura di Roma. In effetti Vilson dovrebbe risiedere nella capitale ma di certo era nell’Alto vicentino da almeno un paio di settimane, come testimoniano i suoi scatti sul profilo social, uno dei quali lo ritrae seduto all’esterno proprio del bar Morgana di Piovene Rocchette, guardacaso il locale dove i carabinieri della stazione piovenese lo hanno beccato. Durante una normale operazione di controllo, i militari sono entrati nell’esercizio pubblico di via Fogazzaro dove non potevano non notare l’affrettarsi di un giovane verso il bagno. Lo hanno atteso con calma, accompagnato in caserma per accertamenti e identificato come un soggetto gravato di vari reati contro il patrimonio ed espulso ancora nel 2017 dalla Prefettura romana. Cosa ci facesse a Piovene è ancora oggetto di indagine da parte dei carabinieri della Compagnia di Schio. Intanto, di concerto con la Questura di Vicenza, hanno provveduto ad accompagnarlo alla frontiera, trasportandolo all’aeroporto Catullo di Verona, da dove è stato imbarcato alla volta dell’Albania. Curiosa comunque la sua storia, e ancora fitta di misteri. Kita si mostra in numerosi scatti davanti ai monumenti della capitale, dalla fontana di Trevi alla basilica di San Pietro sino alla scalinata di Trinità dei monti, assieme a quello che ha tutta l’aria di essere un figlio piccolo, parenti ed amici, sempre indossando capi delle più prestigiose case di moda, italiane e straniere. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

M.SAR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1