CHIUDI
CHIUDI

09.10.2016

Costo, dissuasori
ad ogni tornante
«Stop alle corse»

Sul muro di un tornante del Costo il ricordo di una vittima
Sul muro di un tornante del Costo il ricordo di una vittima

Arrivano i dissuasori sui tornanti del Costo, a scoraggiare il passaggio dei bolidi su due e quattro ruote. «Niente più corse pericolose verso l’altipiano. Sono i cittadini a chiederlo».

Un vertice fra sindaco di Cogollo, forze di polizia e Vi. Abilità è stato convocato per mettere fine alle corse pazze che mettono a repentaglio la sicurezza non solo di chi transita ma persino degli spettatori che si assiepano sui prati sovrastanti le curve più pericolose. A fine settembre c’era stato un assembramento di appassionati di rally con blitz della Polstrada di Schio e multe a raffica. Gli incidenti gravi, spesso con esiti letali, si susseguono quasi ad ogni stagione. L’ultimo a monte Tondo, a fine agosto, con un motociclista veneziano di 41 anni che si è schiantato al secondo tornante, con la sua fine registrata dalle immagini della telecamera montata sul casco. «Basta con questa spirale di morte», esclamò il sindaco Capovilla.

Ora si passa ai fatti: se da una parte ci sarà una sinergia fra il distaccamento scledense della Polizia stradale e il comando cogollese della polizia locale per garantire maggiori pattugliamenti lungo i primi tornanti di competenza del territorio comunale, nei giorni in cui i bolidi sfrecciano con più frequenza, la novità più importante riguarda un intervento di dissuasione proprio nei tornati dove le moto di grossa cilindrata si esibiscono in piegamenti da brivido. Tra il sindaco Piergildo Capovilla, il comandante della Compagnia di Schio dei carabinieri, cap. Vincenzo Gardin, e i rappresentanti di Polstrada, questura, Vi.Abilità ed anche il delegato Fmi Coni Emiliano Barban, si è giunti ad un accordo sull’adozione di alcuni accorgimenti, indicati da apposita segnaletica, che dovrebbero costringere tutti i mezzi a rallentare prima di affrontare i tornanti: dei tagli orizzontali sull’asfalto che farebbero perdere aderenza ai veicoli sopraggiunti ad alta velocità.

«I cittadini mi hanno chiesto più volte di intervenire, non si sentono più sicuri ed hanno paura a muoversi sul Costo. Io devo dar loro delle risposte. Questo è il secondo vertice che facciamo per risolvere il problema delle corse sul Costo ed ora qualcosa di concreto c’è».

Il battagliero sindaco cogollese è convinto che con i dissuasori cesseranno gli sprint spericolati dei centauri: «C’è chi affronta la salita in moto per dare spettacolo e più si assiepa pubblico nelle curve più è invogliato a manovre spericolate. Con i dissuasori questi show termineranno e avremo meno incidenti e più sicurezza per chi transita, turista o residente che sia».

Mauro Sartori
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1