CHIUDI
CHIUDI

07.08.2019

Vandalismi al cimitero Vetrate in frantumi

Le vetrate rotte dai vandali.  MA.CALa chiesetta nella parte centrale del cimitero.  MA.CA.
Le vetrate rotte dai vandali. MA.CALa chiesetta nella parte centrale del cimitero. MA.CA.

Ancora vandali in azione al cimitero del capoluogo di Malo. È il sospetto che nasce di fronte alla rottura di alcune vetrate delle strutture ospitanti i loculi all'interno del camposanto. In una delle aree più esterne, ieri mattina, era possibile notare come una delle vetrate colorate fosse caduta a terra, sulle tombe sottostanti. Uno dei vetri vicini presentava invece un foro, apparentemente provocato dal lancio di un sasso, mentre anche altre porzioni di vetrata, nelle parti adiacenti, erano mancanti, forse rotte in precedenza. Il timore è dunque quello dell'azione di qualche balordo, che avrebbe lanciato delle pietre contro le vetrate. Il raid potrebbe essere stato compiuto dall'interno del cimitero, ma il lancio dei sassi potrebbe anche essere avvenuto da un'area esterna al muro perimetrale. Nel frattempo, segnali di incuria si possono notare all'interno della cappella principale del camposanto. Il pavimento dell'edificio risulta infatti cosparso di guano, segno della presenza di uccelli probabilmente nell'area del sottotetto. È probabile che i volatili riescano ad entrare attraverso le finestre che si aprono poco sotto la copertura, andando poi a sporcare la base dell'edificio religioso. Infine, il Comune annuncia l'esumazione di 93 salme (decessi avvenuti fra gli anni ’70 e i primi ’90) per ottenere nuovi spazi per le sepolture. L'amministrazione comunale ha avvertito i familiari interessati, i quali potranno scegliere di tumulare i resti ossei dei propri cari nelle rispettive tombe di famiglia, oppure nelle fosse, nei loculi o nelle celle ossario avute in concessione. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

MA.CA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1