CHIUDI
CHIUDI

06.09.2019 Tags: Agostina Destro , Malo , via Papa Giovanni XXIII , via Rigobello , Incidente mortale

Travolta da moto
Muore dopo sette
giorni di agonia

Il luogo dell'incidente
Il luogo dell'incidente

MALO. Non ce l’ha fatta Agostina Destro, la sessantottenne travolta da una moto venerdì 30 agosto a Malo mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali: la donna è spirata nel pomeriggio, dopo una settimana di agonia, gettando nella disperazione il marito Tranquillo Peruzzo, la figlia Katia, molto conosciuta in zona per la sua attività di parrucchiera, e l’amata nipote Sarah, a cui era legatissima.

 

La mattina del 30 agosto, alle 6.30, aveva appena iniziato la sua passeggiata giornaliera e, poco distante da casa, stava attraversando la strada regolarmente sulle strisce pedonali all’altezza dell’incrocio tra via Papa Giovanni XXIII e via Rigobello, nella frazione di Case, quando, per cause al vaglio dei carabinieri, è stata investita da una Honda 700 condotta da un cinquantatreenne residente a Torrebelvicino.

 

Le sue condizioni sono parse subito disperate tant’è che dall’ospedale di Santorso, dov’era stata inizialmente trasportata, i medici ne hanno disposto il trasferimento al San Bortolo di Vicenza, dov’è stata ricoverata in Rianimazione, in stato di coma. Nonostante tutti i tentativi dei medici di salvarla, la donna non ha mai ripreso conoscenza e nel pomeriggio il suo cuore ha smesso di battere.

 

La Procura di Vicenza aveva fin da subito aperto un procedimento penale per lesioni stradali gravissime iscrivendo nel registro degli indagati il motociclista, che adesso dovrà rispondere del reato di omicidio stradale. Non ancora fissata la data dei funerali, che si terranno nella chiesa di Malo, in attesa delle decisioni circa l’eventuale autopsia e del nulla osta dell’autorità giudiziaria.

Correlati

Articoli da leggere

Puoi leggere anche

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1