CHIUDI
CHIUDI

17.11.2019

Spv, esplosioni di notte Ricorso al Tar di Sis

Il cantiere della Pedemontana a Vallugana
Il cantiere della Pedemontana a Vallugana

Il Consorzio Sis ricorre al Tar del Veneto per far annullare l’ordinanza comunale che vieta l’esplosione notturna di mine nel cantiere di Vallugana. L’annuncio arriva dalla consigliera regionale del Pd, Cristina Guarda, ieri in sopralluogo al cantiere della Superstrada Pedemontana veneta. Ma la conferma arriva anche dall’amministrazione comunale maladense, che sta già predisponendo la sua difesa contro il ricorso e per il rispetto di quanto stabilito. Cosa chiede Sis al tribunale amministrativo? Che venga annullata l’ordinanza del sindaco che, rifacendosi alla normativa regionale vigente in merito ai rumori nelle vicinanze delle abitazioni, stabilisce che non si possa far brillare mine nell’orario tra le 19 e le 8 di mattina. Il poter tornare alle esplosioni negli orari serali e di notte consentirebbe al cantiere di procedere più speditamente, nonostante sia di pochi giorni fa il via libera dei magistrati ai lavori di messa in sicurezza della galleria naturale di San Tomio, posta sotto sequestro dopo la morte dell’escavatorista Sebastiano La Ganga nel 2016. Come avevano dichiarato quelli del comitato Vallugana, «visto che sono in ritardo con l’opera, continueranno a scavare anche da noi, su questo non ci illudiamo». Cristina Guarda va giù pesante nei confronti della Regione: «Tutto questo accade perchè la stessa giunta veneta, presa dall’ansia di prestazione nel concludere la Pedemontana, non muove un dito in difesa dei cittadini, malgrado sia certificato che soffrono di asma, difficoltà respiratorie, irritazioni, carenza di ossigeno nel sangue, confermate dal pronto soccorso. Pagano problemi psicologici a causa delle continue esplosioni e delle vibrazioni forti che ne conseguono. La richiesta che avanzo con loro è solo quella che il cantiere rispetti le regole e le leggi, e consenta loro di vivere dignitosamente». Il Consorzio si starebbe tutelando legalmente anche nei confronti di alcuni residenti che hanno presentato esposti alla Procura. Intanto i lavori procedono e, come sottolineato dalla consigliera regionale, la pioggia di questi giorni ha portato un po’ di sollievo e meno polveri. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Mauro Sartori
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1