CHIUDI
CHIUDI

08.09.2019

«Amava le passeggiate L’ultima le è stata fatale»

Agostina Destro col marito
Agostina Destro col marito

«Era una grande lavoratrice, sempre disponibile con tutti, una donna di buona volontà». Sono le parole con le quali Tranquillo Peruzzo, 74 anni, dipendente comunale in pensione, descrive la moglie Agostina Destro, spirata venerdì a 68 anni dopo una settimana di agonia in seguito ad un incidente stradale a Case di Malo. Il 30 agosto, intorno alle 6.30, la pensionata stava attraversando la strada sulle strisce pedonali in via Papa Giovanni XXIII, vicino all'incrocio con via Rigobello, quando è stata investita dalla Honda 700 condotta da Silvio Ernesto Boscato Sopetto, 53 anni, nato a Schio ma residente a Torrebelvicino, che viaggiava verso Vicenza. La donna era stata trasportata in ambulanza prima all'ospedale di Santorso, poi al San Bortolo di Vicenza, dove purtroppo è deceduta. In queste ore i parenti e i conoscenti si stanno stringendo attorno a Peruzzo e alla figlia Katia, 43 anni, che vive a Calvene e lavora come parrucchiera. La vittima, che aveva lavorato una vita come operaia, era conosciuta e stimata. «Il motociclista mi ha telefonato per dirmi che gli è dispiaciuto molto», racconta il marito della donna, che per 24 anni ha lavorato per il Comune come operatore ecologico. «Ad Agostina piaceva fare delle passeggiate – continua Peruzzo -. La mattina dell'incidente l'ho vista mentre si metteva le scarpe, ci siamo salutati, poi lei è partita. Alle 7.30 non era ancora rincasata. Ad un certo punto ho sentito il telefono che suonava e ho immaginato che dovesse essere successo qualcosa. Era l'ospedale di Santorso, mi hanno avvertito dell'incidente. Facevamo una vita serena, lei era una donna piena di salute», racconta. Il pm Claudia Brunino ha già aperto un procedimento penale per lesioni gravissime nei confronti del centauro, il quale, con ogni probabilità, dovrà ora rispondere del reato di omicidio stradale. In queste ore sarà fissata la data dei funerali. © RIPRODUZIONE RISERVATA

MA.CA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1