CHIUDI
CHIUDI

18.01.2020

Un bilancio da 8 milioni con imposte invariate

Ambiente, giovani, sociale. Sono le parole d’ordine, a Isola, per il bilancio di previsione 2020 approvato in consiglio comunale. Un documento di programmazione che non dimentica le opere pubbliche, orientate alla sostenibilità e alla sicurezza, del territorio e delle strutture comunali. Il bilancio pareggia a 8 milioni 600 mila euro; la spesa corrente si attesta su 4 milioni 300 mila euro, con un milione 200 mila per il personale e gl investimenti per il sociale pari a 800 mila euro, in aumento. Per gli investimenti, con la parte in conto capitale, sono previste risorse per un milione 800 mila euro. Sul fronte delle imposte comunali, l’addizionale Irpef rimane allo 0,6 per cento, garantendo un gettito di 800 mila euro. Resta invariata anche l’Imu, con l’aliquota al 10 per mille sulle seconde case, all’8 per mille per i genitori che concedono gli immobili in comodato d’uso ai figli e viceversa, e al 9,4 per mille per i capannoni industriali. Per quanto riguarda la Tari, tutto dipenderà dai risultati della regolamentazione in atto, a livello nazionale, nel settore dei rifiuti. Si registra invece un aggiornamento e un adeguamento dei costi di costruzione, con un aumento che non avveniva dal 1992, modulato sulle tabelle Istat e sulla normativa regionale. Tra le opere previste per quest’anno figura l’efficientamento energetico della pubblica illuminazione, un percorso già iniziato, per il quale nel 2020 sono previste spese per 150 mila euro. Altri 450 mila euro saranno investiti per il piano delle acque e della sicurezza idrogeologica, con interventi sui corsi d’acqua. Un’attenzione particolare sarà riservata alla sicurezza stradale, con 150 mila euro destinati alle asfaltature, mentre la messa in sicurezza della scuola elementare di Isola costerà, in base alle previsioni, 220 mila euro. In programma, infine, anche lavori per ridurre la vulnerabilità sismica degli edifici comunali, con costi attorno ai 315 mila euro. «È il primo documento unico di programmazione a recepire le nostre linee di mandato - commenta il sindaco Francesco Enrico Gonzo -, un testo che continua su un percorso di sostenibilità economico-finanziaria, sociale e ambientale dell’attività dell’ente pubblico, un iter di ammodernamento e resilienza della comunità, anche sugli aspetti culturali e sulle politiche dei giovani». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

MA.CA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1