CHIUDI
CHIUDI

01.02.2018

La gavetta del soldato consegnata ai parenti

La consegna della gavetta ai familiari dell’alpino Enrico Pascoletti.  G.D
La consegna della gavetta ai familiari dell’alpino Enrico Pascoletti. G.D

Greta Dircetti Una Giornata della Memoria particolare per ricordare non solo chi ha perso la vita nei campi di concentramento, ma anche chi quella guerra l'ha combattuta e non è più tornato a casa. Un cinema Marconi pieno, con i suoi 500 presenti, ha a lungo applaudito la presentazione del documentario “Lungo la strada del ritorno”, che ricorda il 75esimo anniversario della ritirata di Russia. Un filmato di 90 minuti che racconta la staffetta commemorativa Russia – Italia, che la scorsa estate ha visto impegnate per tre settimane, più di trenta persone e che ha ripercorso, lungo 2.825 chilometri, la strada che l'esercito italiano ha attraversato per tornare a casa nel gennaio del 1943. Sedici i podisti che si sono alternati nella corsa, percorrendo circa venti chilometri al giorno. Sei stati percorsi, Russia, Ucraina, Polonia, Repubblica Ceca, Austria ed infine Italia per ricordare chi ce l'ha fatta e chi invece è rimasto indietro, come Enrico Pascoletti, friulano partito con la Divisione Julia e mai rientrato a casa. É sua infatti la gavetta trovata dalla staffetta durante il viaggio e consegnata sul palco ai parenti del soldato scomparso. Dopo la proiezione del documentario sono stati premiati Stefano Frugani e William Rabito, fondatori dell'Associazione "Tracce di memoria" che ha ideato l'impresa, ai quali è stata consegnata la medaglia europea da parte della “Federazione Italiana dei combattenti Alleati”, per la loro attività di diffusione dei principi di libertà, pace e fratellanza tra i popoli. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Greta Dircetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1