CHIUDI
CHIUDI

20.03.2019

Doping nelle palestre A patti: un anno e 8 mesi

L’indagine ha portato alla scoperta di un giro di doping fra culturisti
L’indagine ha portato alla scoperta di un giro di doping fra culturisti

L’inchiesta parte da lontano. Era il 2014 quando, nel corso di un controllo stradale, i carabinieri avevano fermato a Carmignano di Brenta un’auto, scoprendo che il bagagliaio era imbottito di sostanze dopanti. Un traffico di ormoni fra l’Alta Padovana e il Trevigiano, destinato alle palestre e agli sportivi delle due città, in particolare al mondo dei culturisti sia agonisti sia semplici praticanti che hanno il culto del loro corpo. Anche a scapito della salute. Ieri per un trevigiano e un vicentino coinvolti in quel commercio, che aveva la sua “piazza” a Carmignano, si è chiuso il conto con la giustizia grazie al patteggiamento: un anno e pena sospesa per Matteo Torresan, 27enne di Trevignano (avvocato Marta Labozzetta) e un anno e 8 mesi con la condizionale (in continuazione con un’altra pena per gli stessi reati) per Antonio Olivieri, 41enne di Isola Vicentina (avvocato Gianfranco Abate). Il gup ha spedito a processo per il 19 novembre davanti al giudice di Padova il principale imputato, il trevigiano Alessandro Vettori Dalla Zanna, residente a Paese (legali Guido Simonetti e Simone Zancani). È quest’ultimo, noto body builder e uomo-immagine di discoteche, a essere bloccato dai militari dell’Arma mentre sta girando per consegnare un campionario tra farmaci e anabolizzanti bollati come sostanze proibite perché alterano le prestazioni agonistiche degli atleti. Farmaci reperiti attraverso farmacie ospedaliere e dipensari ma anche comprati all’estero (ma non in Europa) al di fuori di ogni controllo tanto da risultare guasti o imperfetti, senza alcuna garanzia quanto alle modalità e al luogo di fabbricazione. Infine il gup si è dichiarato incompetente per altri quattro imputati trevigiani chiamati a rispondere sempre di commercio di sostanze dopanti nella veste di clienti, trasmettendo gli atti alla procura di Treviso. Si tratta di Michele Buratta, 27 anni di Treviso; Manuel Slongo, 25 di Volpago del Montello; Gabriele Tedeschi, 29 di Montebelluna e del brasiliano Enrique Wesley Gasparoto, 30. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

C.G.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1