Maltempo sul Vicentino

Vento e grandine
Strade come fiumi
Tetti scoperchiati

.
Maltempo a Schio (video Guido Xoccato)

Una nuova ondata di maltempo si è abbattuta sul Vicentino a partire dal pomeriggio di oggi. Forti raffiche di vento e grandine hanno interessato soprattutto l'Alto Vicentino, nella zona tra Schio e Thiene, ma anche l'Ovest Vicentino; un'intensa precipitazione si è poi abbattuta sulla media pianura vicentina, arrivando fino alla città di Vicenza.

 

Nubifragio a Schio
Nubifragio a Schio

 

Una violenta bomba d’acqua si è abbattuta intorno alle 17.30 su Schio e i comuni limitrofi. Pioggia, grandine e forti raffiche di vento hanno spazzato il territorio, mandando sott’acqua il centro della città. Le strade, tra cui via Pasubio, si sono trasformate in fiumi, con negozi e attività commerciali allagati; acqua anche sotto ai portici di via Rompato. I vigili del fuoco del distaccamento cittadino sono intervenuti per diversi garage e cantine allagati in via Tito Livio, via del Convento, via Battista De Lorenzi. Il nubifragio ha interessato anche i paesi vicini, con grandine e forte vento anche a Malo, Torrebelvicino e Santorso.

 

Schio (foto Carollo)
Schio (foto Carollo)

 

Vento e grandine hanno causato danni anche a Vicenza. In zona Laghetto Coldiretti segnala danni ai frutteti e annessi rustici. Gli animali - dicono gli agricoltori della zona - sono fuggiti dai ricoveri divelti dal maltempo. Timore per le colture in campo e nelle serre. «Si tratta - commenta Coldiretti Vicenza -  di fenomeni legati ai cambiamenti climatici sempre più imprevedibili e incontrollabili». I tecnici sono sul posto per le rilevazioni.

 

I danni a Laghetto, Vicenza (foto Coldiretti)
I danni a Laghetto, Vicenza (foto Coldiretti)

 

Il maltempo ha colpito anche Montorso. Una sorta di tromba d'aria nel pomeriggio si è  abbattuta sul Comune dello ovest vicentino scoperchiando tetti e provocando danni alle piante.

 

I danni del maltempo a Montorso. FOTO ZORDAN
I danni del maltempo a Montorso. FOTO ZORDAN

Matteo Carollo Giorgio Zordan
# Sposta il focus sul parent