CHIUDI
CHIUDI

15.05.2019

«Un decennio faticoso e ricco di entusiasmo»

Il sindaco Marilisa Munari ha guidato il paese dal 2014.   ARCHIVIO
Il sindaco Marilisa Munari ha guidato il paese dal 2014. ARCHIVIO

«Sono stati dieci anni lunghi, per la fatica, e contemporaneamente brevi per entusiasmo». Quasi alla fine del suo secondo mandato Marilisa Munari, sindaco di Sovizzo, traccia un bilancio della sua esperienza. Sindaco per scelta, insegnante per vocazione e scrittrice, premiata, per passione ha traghettato Sovizzo in un periodo non facile dove la crisi economica ha ridotto le possibilità, e le entrate, dell’amministrazione comunale. «Quando ero assessore nella giunta Vignaga, c’erano grandi entrate e ipotizzare delle grandi opere pubbliche era verosimile e semplice – spiega -. Dal 2009 in poi, a causa della crisi, abbiamo avuto un cambiamento importante. C’erano meno stanziamenti, c’erano gli sbarramenti del patto di stabilità e in contemporanea aumentavano le famiglie in difficoltà che chiedevano aiuto. Insomma una situazione che, nel giro di poco, si è completamente modificata». Di sicuro l’opera-simbolo del suo mandato rimarrà la piazza, attesa da 30 anni: «Quando sono venuta ad abitare a Sovizzo nel ‘91 ricordo che la prima cosa che mi dissero fu che era un bel paese ma che non aveva una piazza – prosegue – e appunto lo slargo credo sia stato il progetto più faticoso e articolato, dietro c’è stato tanto lavoro. Al mio successore lascio un comune solido dal punto di vista economico, siamo riusciti a risparmiare su molte voci soprattutto energetiche abbiamo migliorato la viabilità con le due bretelle di Valdiezza e via Pasubio e in più arriverà anche a Peschiera dei Muzzi. Senza contare le scuole, nuove o in parte ristrutturate, una biblioteca e un museo all’avanguardia, la casa delle associazioni». Non si ricandiderebbe più come sindaco perché, dice, «È importante vivere l’esperienza, trasmetterla e arricchire la comunità con l’apporto di una persona perché porti la sua visione e nuova energia» e rimane profondamente innamorata del “suo” paese «che rimane a misura d’uomo». Munari comunque chiude il ciclo da primo cittadino ma si ricandida come consigliere. Cosa farà dopo? «Sicuramente tornerò a scuola a tempo pieno, mi dedicherò alla famiglia e al volontariato e, un piccolo sogno nel cassetto, continuerò a scrivere». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

A.F.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Si va verso la fusione di Sovizzo e Gambugliano per farne un Comune unico. Sei d'accordo?
ok