Il lutto

Sorelle Ramonda: si è spenta anche Ginetta, fondatrice dello storico marchio

Angela "Ginetta" Ramonda
Angela "Ginetta" Ramonda
Angela "Ginetta" Ramonda
Angela "Ginetta" Ramonda

Se n’è andata Ginetta Ramonda: aveva costruito con la sorella Maria e il fratello Giuseppe l’impero delle “Sorelle Ramonda”. Si è spenta ieri a 85 anni dopo una lunga malattia, circondata dall’amore della sua famiglia e dopo un’intera vita passata dietro al bancone a servire i clienti. La sua è stata un’esistenza dedicata al lavoro e alla famiglia, sempre con il sorriso sulle labbra e sempre pronta a scambiare quattro chiacchiere con le persone. Un sorriso che illuminava il viso e la vivacità, la prontezza e la gentilezza nei confronti di tutti sono sempre stati i suoi tratti distintivi. 

La storia di Ginetta, con Maria e Giuseppe, è legata con un filo rosso ad Alte Ceccato ormai da 68 anni ma nasce a Rosà negli anni ’50 con la madre, Amelia. Una famiglia contadina di otto figli ma con il commercio nel sangue. Amelia, dopo tanti sacrifici, riuscì ad aprire un piccolo negozio, affiancata dai tre figli che nel tempo si uniscono all’attività. Nel 1954 i fratelli Ramonda vengono a sapere che c’è dall’altra parte della provincia una piccola cittadella del lavoro, appena nata, Alte, dove è in vendita un negozio di scampoli e tessuti di fronte alla fabbrica Ceccato. Di lì a poco la famiglia rileva l’emporio, che si chiamava “Mamma Gigetta”, in viale Stazione. E inizia man mano l’ascesa: dal commercio di scampoli alle confezioni di abbigliamento e arredamento per la casa. La clientela aumenta sempre più e il volume di affari in crescita spinge la famiglia ad allargare gli spazi acquistando nuovi locali sempre in viale Stazione, e successivamente costruendo nuovi volumi fino ad approdare nella sede attuale di viale Trieste. Un’espansione che non si è mai fermata, andando di pari passo con la moda e le esigenze del momento, e che ha oltrepassato i confini di Vicenza e del Veneto arrivando in Friuli Venezia Giulia e in Lombardia, dal Lazio all’Austria. 

Oggi “Sorelle Ramonda” conta oltre 50 punti vendita e 1.200 dipendenti. Sebbene gli ultimi quasi 70 anni siano costellati da successi non sono mai mancati la voglia di raccontare i sacrifici degli inizi e l’affetto della famiglia. E l’orgoglio, la fierezza di aver contribuito a far crescere una piccola cittadella, fondata da Pietro Ceccato, e che oggi è Alte Ceccato. 
Erano «come i tre moschettieri», le due sorelle e il fratello, che dall’emporio erano riusciti a costruire un impero. Sempre presenti, dietro al bancone, senza mai mollare anche quando il successo è arrivato e l’impresa di famiglia si ampliava. Due anni fa se n’è andata Maria, a 94 anni, ieri Ginetta. «Abbiamo fatto tanti sacrifici – ricordava qualche anno fa Ginetta – e le vacanze abbiamo iniziato a farle molti anni dopo, prima era solo una chimera». 
Ginetta Ramonda lascia il marito, Giovanni Baggio, i tre figli Francesca, Valeria e Nicola e gli adorati nipoti. 

Cordoglio per la scomparsa arriva dal Comune castellano: «Scompare con Ginetta una protagonista della grande storia economica di Alte che con la sorella Maria e il fratello Giuseppe ha costituito il marchio noto in tutta Italia. Il grande slancio imprenditoriale di questa generazione ha costituito il motore economico all’origine della trasformazione dell’Ovest Vicentino nella realtà che oggi vediamo e conosciamo. Ginetta ha interpretato quindi un ruolo di imprenditrice attenta e sensibile alla vita sociale. Il suo ricordo nella comunità permane e resterà quale percorso di rettitudine e operosità, testimonianza coerente che pur nella prospettiva del progresso economico, mai è venuta meno nel credere ai valori di umana solidarietà a cui non dovremo mai rinunciare». 

Antonella Fadda