CHIUDI
CHIUDI

08.06.2019

Una nuova squadra per il Magnabosco bis

Il Magnabosco bis ha preso il via. Con la riunione di insediamento dell’altra sera il Consiglio comunale uscito dalle urne del 26 maggio ha varato ufficialmente la consiliatura, che per la prima volta si trova senza la presenza della minoranza. Dopo aver rilevato la mancanza di cause di impedimento a esercitare la carica negli eletti, tutti provenienti dalla lista “Civica Montebello”, il sindaco, Dino Magnabosco, ha prestato il giuramento del secondo mandato. Magnabosco ha affrontato il momento solenne recitando la formula di rito e pronunciando il primo discorso, salutato da un generoso applauso del pubblico. «I 3.300 voti ottenuti ci spingono a ripartire con nuove energie e idee, forti dell’appoggio e della fiducia in noi riposti da molte persone che nell’ultimo periodo hanno dimostrato apprezzamento per il nostro lavoro», ha annunciato. Ha poi presentato la giunta, che vede la sostanziale riconferma della precedente, con una novità. Nell’incarico di vicesindaco è stata mantenuta Anna Cracco, che avrà le importanti deleghe a tributi, bilancio, patrimonio, risorse umane e cultura; Stefano Valente terrà ancora sicurezza, attività produttive, associazioni e sport; così come Roberta Sinico continuerà all’istruzione, al sociale e alle politiche giovanili. Entra invece nella nuova giunta Francesco Gentilin: già assessore quando era sindaco Fabio Cisco riprende parte delle vecchie deleghe più altre cedute dall’ex assessore Sergio Maraschin, non più ricandidato, e cioè lavori pubblici, manutenzioni, viabilità, agricoltura e rapporti con le frazioni. Capogruppo è stato eletto il consigliere Marco Boscardin, anche per lui una seconda esperienza. Formati gli organi comunali il Consiglio ha approvato l’indirizzo generale di governo, tratto dal programma elettorale. «I primi cinque anni di Amministrazione hanno visto la realizzazione di opere importanti. Molti altri sono i progetti già avviati che vedranno esecuzione nei prossimi anni», ha sottolineato il sindaco. Le prime opere saranno l’adeguamento sismico alla scuola primaria, il rifacimento della fognatura in via Quattro Novembre, la costruzione della nuova palestra delle scuole e la pista ciclabile intercomunale. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

M.G.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1