Il delitto di Montecchio

Il papà del killer: «Chiedo perdono alla famiglia di Alessandra»

«Chiedo umilmente scusa alla famiglia di quella ragazza. Sono affranto, distrutto e il mio pensiero va a loro, alla bambina». Sono le parole di Adriano Turrin, il papà di Marco Turrin, la guardia giurata di Vigodarzere che ieri a Montecchio Maggiore ha ucciso Alessandra Zorzin, 21 anni e mamma di una bambina di due, con un colpo di pistola al volto e si è poi tolto la vita. «Una spiegazione non la so dare. Era un buon ragazzo un pezzo di pane» dice il papà a cui Marco aveva raccontato di Alessandra. «Lo vedevo felice. Sapevo che si frequentavano da 7, 8 mesi». L’ultima volta che ha visto Marco ieri mattina. «È uscito di casa come sempre, sbarbato profumato. Non ho colto nulla di particolare. Marco era un tipo piuttosto taciturno».

Leggi anche
La guardia giurata che era tornata a vivere con il papà

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a Il Giornale di Vicenza e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de Il Giornale di Vicenza, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati