CHIUDI
CHIUDI

23.06.2019

Ora la storia del paese rispolverata e protetta

Uno degli scaffali del rinnovato archivio storico comunale.  BERTOZZO
Uno degli scaffali del rinnovato archivio storico comunale. BERTOZZO

L’archivio storico del Comune di Brendola è finito. «I lavori sono stati ultimati prima delle elezioni del maggio scorso – dichiara il sindaco Bruno Beltrame – e ora abbiamo un archivio a norma che non solo ospita i documenti dal 1600, ma c’è spazio per i prossimi 200 anni». Con l’impianto di armadi mobili a movimentazione manuale su cui è caduta la scelta dei tecnici e dell’Amministrazione, i 400 anni di documentazione del Comune occupano una delle due stanze sistemate ad hoc nelle ex scuole di San Vito. Era una pendenza che si era trovato a gestire il commissario nei mesi del suo governo, dal gennaio al giugno 2017 quando fu poi eletta l’Amministrazione Beltrame ed era stato proprio il sindaco a individuare il sito di San Vito come idoneo. «Con questa soluzione abbiamo salvato un bene pubblico che resterà una struttura comunale – spiega l’assessore ai lavori pubblici Matteo Fabris -. Finora non avevamo mai avuto un archivio vero e proprio, ma averlo a norma è un obbligo di legge e lo abbiamo realizzato». L’importo complessivo dell’intervento è di 94 mila euro. I lavori hanno previsto la separazione dello stabile, realizzando una parte retrostante con due ambienti destinati all’archivio vero e proprio e una stanza al piano primo per eventuale consultazione; il tutto con accesso autonomo rispetto alle altre due stanze fronte strada. A proteggere l’archivio uno specifico impianto antincendio a CO2. «Per i lavori sono serviti 69 mila euro - spiega Fabris - come la realizzazione delle opere murarie con isolamenti, cartongessi e porte Rei; il bombolone di CO2 e la separazione degli accessi. Gli armadi mobili istallati in una delle due stanze, che ospitano ora tutto l’archivio storico, sono costati 11 mila 596 euro con Iva. Resta da effettuare la digitalizzazione che renderà la documentazione consultabile. Lavoro che sarà affidato ad una ditta specializzata. A darci una mano nella fase del trasloco dai magazzini comunali sotto le elementari Boscardin a San Vito sono stati alcuni volontari che ringrazio per la disponibilità. Con questo intervento San Vito mantiene il seggio elettorale e una stanza per le associazioni (al momento usata dal coro I Musici) in uno stabile molto caro alla frazione». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

I.BER.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1