CHIUDI
CHIUDI

12.05.2019

Il Ministro in Consiglio Minoranze disertano

Un momento del Consiglio con il ministro Stefani. BERTOZZO
Un momento del Consiglio con il ministro Stefani. BERTOZZO

Si condisce di polemica la giornata a Brendola del ministro per le autonomie regionali Erika Stefani. Il ministro era stato invitato, insieme ad altre autorità, a presenziare al consiglio comunale di ieri mattina che vedeva come punto centrale l’estinzione anticipata dell’ultimo mutuo, quello da 394 mila euro con il Credito sportivo, rendendo Brendola un Comune a debito zero. Di questo traguardo è stata data notizia ieri su queste colonne. Stefani ha partecipato ai lavori della seduta con il consigliere provinciale Massimiliano Dandrea, delegato dal presidente Francesco Rucco. Messaggi di complimenti per il risultato ottenuto sono stati inviati dal governatore Luca Zaia e dall’assessore regionale Elena Donazzan Dopo un minuto di silenzio in ricordo dell’ex sindaco Mario Dal Monte, i cui funerali saranno celebrati domani, alle 15, a San Michele, il sindaco Bruno Beltrame ha letto una comunicazione inviatagli da Renato Ceron e Lara Bisognin. I consiglieri di opposizione, del gruppo Orizzonte Brendola hanno spiegato le ragioni della propria assenza facendo presente di essere venuti a conoscenza della convocazione di un Consiglio così particolare, data la presenza del Ministro, tramite i social e non con la convocazione dei capigruppo, come da regolamento. «Il buon senso o, quanto meno, la sua esperienza – hanno aggiunto rivolgendosi al sindaco - avrebbero dovuto farle rispettare le priorità. Riteniamo che questa sia una grave prevaricazione istituzionale». Nel suo intervento, il ministro Stefani, ha voluto mettere in evidenza l’importanza di rispettare il ruolo ricevuto dalle urne: «Avere il contatto diretto con i propri elettori - ha detto, ricordando le sue origini trissinesi - è impagabile; sembra incredibile ricevere dei complimenti per essere presenti. Penso che il ruolo che si ricopre non debba portare troppo lontano da dove si è nati». Gaetano Rizzotto, unico esponente della minoranza presente a questa seduta del Consiglio comunale, si è detto d’accordo con l’azzeramento del debito, quindi la delibera di estinzione del mutuo è stata approvata all’unanimità. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Isabella Bertozzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1