Grisignano

Via all’anagrafe digitale, ma Grisignano non parte

Per ottenere 14 tipi di certificato da ieri non serve più recarsi agli uffici comunali.   ARCHIVIO
Per ottenere 14 tipi di certificato da ieri non serve più recarsi agli uffici comunali. ARCHIVIO
Per ottenere 14 tipi di certificato da ieri non serve più recarsi agli uffici comunali.   ARCHIVIO
Per ottenere 14 tipi di certificato da ieri non serve più recarsi agli uffici comunali. ARCHIVIO

L’anagrafe del Comune a portata di clic. Gratuitamente e senza spostarsi da casa. Tranne che a Grisignano di Zocco, per il momento. È iniziata ieri la piccola grande “rivoluzione digitale” che consente ai cittadini italiani di scaricare, tramite Spid, carta d’identità elettronica o carta nazionale dei servizi, 14 certificati (da quello di nascita a quello di matrimonio) dalla piattaforma dell’anagrafe digitale del ministero dell’Interno, senza costi e senza bisogno di recarsi allo sportello municipale. Un servizio utile e alla portata di tutti, o quasi. Degli oltre 7 mila Comuni italiani presenti on line nell’Anpr (Anagrafe nazionale della popolazione residente), 63 mancano infatti ancora all’appello, tra cui uno solo in Veneto: è Grisignano di Zocco. I numeri, consultabili nel sito dell’anagrafe digitale, parlano chiaro: fino a ieri erano infatti 7.810 i Comuni presenti nell’Anpr, per una copertura di circa 66 milioni e 500 mila cittadini (compresi più di cinque milioni di residenti all’estero). Nella tabella che riporta i Comuni mancanti, tra i quali 18 Comuni della Calabria, 14 della Campania, 9 della Basilicata, 7 della Sicilia, 6 del Lazio, 2 della Toscana, 2 della Lombardia, 2 del Trentino Alto Adige, uno della Liguria e Grisignano, unico Comune veneto. Un’assenza momentanea dalla piattaforma, dovuta a un ritardo causato dal cambio dei software comunali, come spiega il sindaco Stefano Lain. «Sono dispiaciuto di questo ritardo - le parole del primo cittadino -. Abbiamo recentemente cambiato i gestionali del Comune, ovvero i software di gestione dell'anagrafe. Avevamo programmato il cambio per l'inizio dell'anno, in vista di questa incombenza e anche per offrire un servizio migliore ai cittadini. Purtroppo però abbiamo avuto diversi problemi di varia natura e il tutto è slittato di qualche mese». Di qui il ritardo nell’adeguamento digitale, che sarà completato a breve. «Ora la piattaforma è pronta e è già tutto predisposto - rassicura Lain - mancano solo alcuni controlli. Quando ci sono queste migrazioni di dati da un software all'altro, ci vuole del tempo per fare tutte le verifiche e le simulazioni. Saremo sicuramente on line entro una o due settimane, quando saranno completati i controlli». Entro pochi giorni, dunque, anche i grisignanesi usufruiranno del servizio.