Torri di Quartesolo

Rotoli d'alluminio e carta abbandonati per strada e in un fossato: è caccia agli incivili

La polizia locale ha recuperato alcune bobine lungo via Tribolo, a margine del fossato (Foto MARINI)
La polizia locale ha recuperato alcune bobine lungo via Tribolo, a margine del fossato (Foto MARINI)
La polizia locale ha recuperato alcune bobine lungo via Tribolo, a margine del fossato (Foto MARINI)
La polizia locale ha recuperato alcune bobine lungo via Tribolo, a margine del fossato (Foto MARINI)

Più di una trentina di bobine di medie dimensioni, contenenti diversi rotoli di plastica, alluminio e carta, destinati a ricoprire prodotti alimentari e non, abbandonate in due aree di Marola a Torri di Quartesolo. È questa la brutta sorpresa che alcuni residenti hanno fatto ieri mattina, segnalando l’abbandono al Comune e alla polizia locale. Gli agenti stanno ora indagando sull’accaduto, nel tentativo di individuare i responsabili. 
Il singolare abbandono di rifiuti, destinati al confezionamento di biscotti e di prodotti per la cura del corpo, è avvenuto probabilmente durante lo scorso fine settimana, nella notte tra sabato e domenica. Lungo strada Ca’ Balbi, poco distante dal confine tra il Comune di Torri e quello di Vicenza, in una stradina sterrata di campagna, è stato abbandonato uno dei due “carichi” di bobine. Sembra che i responsabili, muniti con tutta probabilità di un autocarro ribaltabile, abbiamo portato il mezzo nel parcheggio del vicino supermercato Prix, adiacente alla stradina, per poi scaricare una ventina di rotoli approfittando della pendenza del terreno, gettandoli in mezzo agli arbusti e alla vegetazione. Un secondo carico è invece stato abbandonato a pochi chilometri di distanza in linea d’aria, ovvero nella vicina via Tribolo: a due passi dall’argine del fiume Tesina, in un punto poco trafficato e circondato da campi, qualcuno ha infatti gettato altre bobine, poco più di una decina, facendole rotolare direttamente dentro un vicino fossato. 
Non nasconde il suo disappunto Diego Marchioro, sindaco di Torri di Quartesolo che, assieme alla polizia locale, è andato a fare un sopralluogo nella strada sterrata lungo via Ca’ Balbi.

«Abbiamo ricevuto la segnalazione - spiega il primo cittadino -. I responsabili devono aver utilizzato un furgone, perché le bobine sono più di una trentina e non deve essere facile trasportarle. Sospetti? Probabilmente è qualcuno che conosce il nostro territorio». Spetta ora agli agenti della polizia locale di Torri, coordinati dal comandante Paolo Bertozzo, indagare sull’accaduto. «Bisognerà scoprire chi è la ditta che produce queste bobine e contattarla - continua Marchioro -. Poi dovremo visionare le telecamere della zona e vedere se le immagini potranno esserci d’aiuto», magari grazie ad un numero di targa, se è stato ripreso. 
Anche le operazioni di rimozione e di smaltimento non saranno delle più semplici. «Sono considerati rifiuti speciali e ora dobbiamo pensare a come portarli via». Particolarmente problematica la rimozione delle bobine abbandonate in via Tribolo. Come detto, i rotoli sono stati gettati nel vicino fossato e, per recuperarli, occorrerà ripescarli dall’acqua. 
«L’indagine per individuare i colpevoli è complessa - conclude Marchioro -. Ma dopo una prima ricerca tra il materiale abbandonato, abbiamo già trovato degli elementi che potranno esserci utili. Quando individueremo i responsabili, faremo pagare loro i danni e i costi di smaltimento di questi rifiuti, che potrebbero essere ingenti». Senza dire che scatterà la denuncia in procura per la violazione della normativa ambientale.  

Marco Marini