CHIUDI
CHIUDI

14.04.2019

Parata di stellette per la caserma

Il generale Bernardini passa in rassegna gli uomini dell’Arma schierati davanti alla caserma.COLORFOTOLe autorità politiche e militari sul palco cerimoniale.COLORFOTO
Il generale Bernardini passa in rassegna gli uomini dell’Arma schierati davanti alla caserma.COLORFOTOLe autorità politiche e militari sul palco cerimoniale.COLORFOTO

Un taglio del nastro atteso da dieci anni. È quello avvenuto ieri mattina a Torri di Quartesolo per inaugurare ufficialmente la nuova Stazione dei Carabinieri di via Aldo Moro. Una stazione che ha visto la posa della prima pietra nel 2009 per essere completata il 20 marzo 2018. La cerimonia si è aperta con il ricordo del maresciallo Vincenzo De Gennaro, ucciso ieri mattina in provincia di Foggia. Poi il picchetto in armi del quarto battaglione carabinieri Veneto è stato passato in rassegna dal generale Enzo Bernardini, comandante interregionale Carabinieri Vittorio Veneto, e dal generale di divisione Giuseppe La Gala, comandante della Legione carabinieri Veneto. Il sindaco Ernesto Ferretto ha poi consegnato il tricolore al comandante della Stazione, il maresciallo maggiore Luigi Tapiglia che, accompagnato dall’inno nazionale, ha effettuato l’alzabandiera. «Esprimo un sentito ringraziamento per la vostra partecipazione, segno di affetto e di vicinanza ai militari dell’Arma - ha detto il colonnello Alberto Santini, comandante provinciale di Vicenza -, segno di come i carabinieri rappresentino un solido e naturale sostegno a cui rivolgersi nei momenti di difficoltà». «Questa stazione è il segno dell’impegno con cui l’amministrazione ha voluto rispondere al bisogno di sicurezza dei cittadini - ha dichiarato il sindaco-. Quella dei carabinieri è una rete organizzativa che si integra con la comunità in cui operano. Grazie a voi il cittadino vede lo stato accanto a sè. Mi auguro che cresca il senso di collaborazione e stima». «Questa Stazione è stata voluta sin dal 2000, ringrazio il sindaco Ferretto e i suoi predecessori per averla realizzata - sono state le parole del generale Bernardini -. Il compito prioritario dei carabinieri è il controllo del territorio, tramite la vigilanza attiva e ininterrotta. Per questo le stazioni rappresentano gli strumenti basilari per la salvaguardia della convivenza civile. Quella di Torri va ad aggiungersi alle oltre 4.500 già presenti in Italia e alle 930 dei carabinieri forestali, in un territorio che ha assunto un’importante centralità commerciale e sociale. Raccomando agli uomini di stanza a Torri di essere carabinieri con efficienza, dignità morale e fermezza». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Andrea Frison
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1