Monticello Conte Otto

Maestra manesca
«I nostri bambini
avevano ragione»

Fa ancora discutere la vicenda dell'insegnante a giudizio per abuso di mezzi di correzione
La scuola materna Don Bosco
La scuola materna Don Bosco
La testimonianza di una mamma

MONTICELLO CONTE OTTO. «Abbiamo scelto una strada dura, ma sappiamo che è quella giusta. I nostri bambini avevano ragione, noi genitori avevamo ragione. L'improvvisa paura nell'andare a scuola, la pipì addosso alla vista della maestra, le mani sulla faccia per difendersi se venivano rimproverati. Non raccontavano bugie come qualcuno sosteneva». Katia Fantin, rappresentante di classe e mamma di uno dei piccoli alunni della materna Don Bosco dove insegnava la maestra "manesca", ne è sicura.

Ne è sicura soprattutto riferendosi a quelle famiglie che, a dispetto delle 8 che hanno deciso di costituirsi parte civile nel processo contro la maestra accusata di abuso di mezzi di correzione, non hanno mai creduto a quanto denunciato all'inizio del 2016 da mamma Katia. E cioè che l'insegnante, che si trovava al comprensivo di Monticello Conte Otto solo dal settembre 2015, potesse aver avuto modi e metodi maneschi e aggressivi nei confronti dei bimbi di 4 e 5 anni di cui si sarebbe dovuta prendere cura. 

 

Il racconto di Katia - video La Via dei Colori onlus