CHIUDI
CHIUDI

08.04.2019

La sfida del vice sindaco Ceron per la successione a Benincà

Il sindaco Benincà ha deciso di non ricandidarsi per motivi di lavoro. Nella foto il municipio di Monticello
Il sindaco Benincà ha deciso di non ricandidarsi per motivi di lavoro. Nella foto il municipio di Monticello

Le voci che si rincorrevano da settimane alla fine hanno trovato conferma: è l'attuale vicesindaco Damiano Ceron il candidato della maggioranza alle elezioni amministrative di Monticello Conte Otto del prossimo 26 maggio. Dopo la decisione del primo cittadino Claudio Benincà di non ripresentarsi davanti agli elettori per motivi lavorativi, a prendere le redini della compagine di centro destra “Vigardolo Monticello Cavazzale- Uniti con voi” che da 15 anni governa ininterrottamente il territorio è dunque il 59 enne assessore al bilancio e allo sport, ex funzionario di banca in pensione da qualche mese, sposato e padre di due figli. Un “avvicendamento nel segno della stabilità” la linea scelta dal gruppo civico, che ha cercato “un candidato che potesse assicurare continuità con il passato e al tempo stesso imprimere un'accelerazione ai tanti progetti già messi in programma dall'attuale amministrazione”. Con Benincà che ha comunque garantito la sua disponibilità a “rimanere in squadra”, Ceron proverà a conquistare per il quarto mandato di fila i voti dei monticellesi, che in questa tornata saranno chiamati a scegliere tra quattro nomi e quattro proposte: oltre a “Uniti con voi” è infatti già stata formalizzata la partecipazione della Lega Nord con Marco Riva, del Movimento 5 Stelle con Gianluca De Mattini e di “Monticello che vorrei”, civica che guarda a sinistra, con Luigi Costa. Forte di 15 anni di esperienza amministrativa, da assessore prima e da vicesindaco nell'ultimo quinquennio, Ceron intende proseguire nel solco tracciato dai predecessori Benincà e Alessandro Zoppelletto, «ai quali va il mio ringraziamento per quanto hanno fatto». «Stiamo lavorando a un programma per i prossimi cinque anni che sia in sintonia e continuità col passato – annuncia il candidato – Penso all'ex Sivi ancora senza soluzione, agli edifici scolastici, al polo sportivo, alla sicurezza e all'ambiente». «Tantissimo è stato fatto» e tanto ci sarà da fare per Ceron, che avrà al suo fianco una squadra di «persone di collaudata esperienza ma anche di nomi nuovi di qualità». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Giulia Armeni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1