Arcugnano

Fimon, lavori sul ponte. Rinascerà il lungolago

Commissionati i lavori al ponte pedonale e per la demolizione del vecchio imbarcadero (Foto archivio)
Commissionati i lavori al ponte pedonale e per la demolizione del vecchio imbarcadero (Foto archivio)
Commissionati i lavori al ponte pedonale e per la demolizione del vecchio imbarcadero (Foto archivio)
Commissionati i lavori al ponte pedonale e per la demolizione del vecchio imbarcadero (Foto archivio)

Il lago di Fimon tornerà presto ad essere percorribile lungo tutto il sentiero che lo abbraccia. La Provincia ha infatti affidato alla Società Cooperativa Sociale Arcugnano i lavori di rifacimento del ponte pedonale che permette di completare l'anello di oltre 5 chilometri di cammino attorno al lago. Lo stesso affidamento prevede anche altri compiti: la demolizione del vecchio imbarcadero ormai a pezzi che deturpa il lago, la manutenzione dello steccato lungo strada e la manutenzione del verde fino a fine luglio del prossimo anno. L'importo totale dei lavori è pari a 92mila euro, in parte coperto dalla Regione, che secondo gli accordi con la Provincia mette a disposizione 50mila euro per la gestione annuale del lago, e per il rimanente dalla Provincia stessa con risorse proprie.

«Interventi di manutenzione importanti -commenta il consigliere provinciale con delega all'ambiente Matteo Macilotti- con un impegno diretto della Provincia per rendere il lago maggiormente fruibile. La convenzione sottoscritta con la Regione Veneto ci permette finalmente di mettere mano ad alcuni lavori strutturali che non erano più rimandabili. In questo modo si potrà tornare in sicurezza a passeggiare attorno al lago godendo di un ambiente naturalistico unico». In particolare, gli interventi strutturali sono tre: il rifacimento del ponte pedonale, in modo da garantire l'utilizzo in sicurezza da parte dei pedoni; la demolizione dell'imbarcadero fatiscente, che verrà rimosso per evitare l'affondamento nel lago e per liberare il lago da una struttura non più funzionale la manutenzione dello steccato lungo strada lago di Fimon, con ristrutturazione delle parti ripristinabili, mentre i pali in cattive condizioni verranno sostituiti con nuovi pali in legno impregnato.

Agli interventi strutturali si aggiunge la manutenzione delle aree verdi e dell'area demaniale che circonda il lago di Fimon, con taglio dell'erba nelle aiuole e negli argini, sfalcio sulla strada perimetrale, potatura dei rami con taglio e sistemazione degli alberi secchi. Prosegue, nel frattempo, anche l'impegno della Provincia sul tema delle alghe che infestano il lago e della carenza d'acqua, problema drammatico. «Si è tenuto il primo incontro del comitato tecnico previsto dall'accordo sottoscritto con la Regione - conclude Macilotti -. Con i tecnici di Regione e Genio Civile è stato fatto il quadro della situazione ed è stato fissato a settembre un incontro operativo per valutare gli interventi più opportuni».

Matteo Carollo