CHIUDI
CHIUDI

12.04.2019

Il vescovo ai disabili «Voi siete i primi e meritate di più»

La benedizione del vescovo alle persone disabili. FOTO STELLA CISCATO
La benedizione del vescovo alle persone disabili. FOTO STELLA CISCATO

Nonostante la pioggia, oltre 800 persone sono giunte da tutta la diocesi di Vicenza per assistere alla messa pasquale dedicata alle persone diversamente abili, ai loro famigliari e agli operatori. Ieri mattina la chiesa di Dueville ha ospitato l’annuale appuntamento che precede la Settimana Santa, promosso dalla Caritas diocesana al quale anche quest'anno ha preso parte il vescovo Beniamino Pizziol. «I primi a cui prestare attenzione, siete voi. I primi sono gli ultimi, quelli che hanno più bisogno, coloro che soffrono di disabilità», sono state le parole del vescovo. «È necessario valorizzare le potenzialità che hanno queste persone, senza cadere nell’assistenzialismo», ha aggiunto al termine della funzione. «Nei vicentini trovo un forte senso di solidarietà, ma esiste sempre il rischio di chiudersi in se stessi. Possiamo sempre fare qualcosa di più per chi è diversamente abile, in termini di sostegno a scuola e formazione, oltre a pensare al momento in cui queste persone non potranno più contare sulle famiglie». Alla cerimonia era presente anche il direttore dei servizi socio-sanitari dell’Ulss 8 Berica, Giampaolo Stopazzolo. «La nostra azienda sanitaria coordina tutte le forze del territorio impegnate nell’assistenza alle persone diversamente abili, cercando di dare la miglior risposta possibile», ha ricordato. «Il Veneto è l’unica Regione in Italia che presenta questa grande integrazione socio-sanitaria». «In tutti noi esistono velocità e difficoltà diverse: la cosa importante – ha evidenziato il sindaco Giusy Armiletti durante il suo intervento - è procedere nella stessa direzione, ponendoci come obiettivi il bene e la solidarietà. Una comunità si può dire accogliente solo se non lascia indietro nessuno». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

MA.BI.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1