CHIUDI
CHIUDI

15.09.2019

Topi d’auto scovati con il video

Un frammento del video.   MA.CA.
Un frammento del video. MA.CA.

Incastrati dalle telecamere dopo il furto nel parcheggio del cimitero. Due nomadi sono stati denunciati per furto aggravato in merito ad un episodio avvenuto il 1° giugno scorso nell'area di sosta del camposanto in località Pignare a Costabissara. Dopo un'articolata indagine, gli agenti della polizia locale dell'Unione dei Comuni di Caldogno, Costabissara e Isola sono riusciti a risalire a P. K. e K. C., entrambi di 38 anni, che vivono nell'Alto Vicentino. Vittime del furto sono stati due trentenni inglesi di Londra, che si trovavano a Costabissara in visita ad una parente. In base alle ricostruzioni dei vigili, il giorno del furto, la donna, che abita in paese, aveva accompagnato i nipoti, con la sua Fiat Punto, fino al parcheggio del cimitero. Da qui, intorno alle 16.30, i tre erano partiti per una passeggiata sui colli. Nel frattempo i due nomadi, che probabilmente avevano tenuto d'occhio le tre persone, erano arrivati nell'area, per poi forzare la serratura di una portiera della Punto; quindi, avevano fatto razzia all'interno dell'auto, rubando un borsello del valore di 700 euro, borse, capi di abbigliamento firmati, occhiali di marca, libri. Al loro ritorno, dopo poco più di un'ora, i turisti avevano avuto l'amara sorpresa e si erano recati al comando della polizia locale per sporgere denuncia. Gli agenti, coordinati dal comandante Ermanno Pianegonda e dal vicecommissario Achille Costa, hanno subito fatto scattare le indagini, controllando le immagini delle telecamere installate nel parcheggio. Grazie ai filmati, i vigili sono riusciti a risalire ai due uomini, entrambi pluripregiudicati per reati contro il patrimonio; hanno così disposto due perquisizioni a Schio, dove ritenevano potessero trovarsi i responsabili. Nel corso del primo controllo, eseguito il 1° agosto con i colleghi del consorzio Alto Vicentino in un alloggio in via Marano, gli agenti hanno ritrovato proprio il borsello che era stato sottratto dalla Punto. Una seconda perquisizione è stata eseguita lunedì scorso in un appartamento in via Verla, assieme ai carabinieri della stazione di Schio. Per i due nomadi, alla fine, è scattata la denuncia con l’accusa di furto aggravato. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Matteo Carollo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1