CHIUDI
CHIUDI

26.05.2019

Corrente gratuita con gli allacci abusivi

Le case mobili di via Gardellina   allacciate abusivamente. COLORFOTO
Le case mobili di via Gardellina allacciate abusivamente. COLORFOTO

Un allaccio abusivo alla rete della corrente elettrica del quale avrebbe goduto liberamente da tempo un gruppo di abitazioni, è stato scoperto venerdì in via Gardellina della frazione di Rettorgole dai carabinieri della Tenenza di Dueville. E un pregiudicato è stato denunciato per il reato di furto aggravato. Gli uomini dell'Arma durante un controllo del territorio svolto in collaborazione con il personale del Comando di polizia locale di Caldogno, l'altro giorno hanno notato in via Gardellina una serie di cavi che, in maniera anomala, sbucavano da un quadro elettrico di un’abitazione. Compreso subito che si poteva trattare di un gesto abusivo i militari hanno richiesto un tempestivo intervento del personale specializzato della società di fornitura elettrica E-distribuzione: i tecnici hanno effettivamente verificato che si trattava di un allaccio non consentito alla rete e lo hanno interrotto. Sulla base degli elementi raccolti, d’intesa con il sostituto procuratore della Procura di Vicenza Serena Chimichi, i carabinieri hanno proceduto a deferire in stato di libertà per il reato di furto aggravato un pregiudicato residente in quella via, sospettato di aver illegalmente allacciato alla rete pubblica l’intera fornitura elettrica di più abitazioni. Trattandosi non di una sola casa ma di più edifici abitativi, anche la posizione degli altri residenti (il numero deve essere conteggiato) è al vaglio della società E-distribuzione e degli inquirenti. La stessa società sta anche cercando di comprendere e stabilire da quanto tempo andasse avanti il furto e quale sia il danno economico, dati che saranno disponibili solo nei prossimi giorni. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

S.D.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1