Tezze sul Brenta

Via libera al farmaco contro la progeria testato da Sammy Basso

In Italia disponibile tra qualche mese
Sammy Basso ha testato il farmaco per la progeria
Sammy Basso ha testato il farmaco per la progeria

Il Lonafarnib un farmaco elaborato dopo anni di sperimentazione può essere prescritto liberamente, per ora negli Stati Uniti, ai pazienti affetti da progeria; malattia che affligge un numero minimo di persone in tutto il mondo con l’invecchiamento precoce e che ha colpito Sammy Basso, 25 anni fra pochi giorni, studente universitario di Tezze sul Brenta. Sammy ha accettato alcuni anni fa di sottoporsi con altri pazienti alla terapia approntata in un laboratorio di Boston.

Spiega Sammy Basso: «Questo primo farmaco contro la malattia migliora la funzionalità di diversi organi, quali il cuore, i muscoli e le ossa. I benefici non sono visibilmente ma emergono dagli accertamenti clinici. A breve il medicinale dovrebbe essere liberalizzato anche in Europa e fra tre o quattro mesi in Italia».

 

Sammy Basso con i suoi genitori ha dato vita all’Associazione italiana progeria Sammy Basso onlus che dal 2000 collabora con la fondazione voluta da una coppia di genitori di Boston con un figlio ammalato.
 

Lucio Zonta