CHIUDI
CHIUDI

25.08.2019

Gli Zattieri del Brenta al raduno in Austria

La navigazione sulle storiche imbarcazioni
La navigazione sulle storiche imbarcazioni

Le tradizioni degli zattieri del Brenta conquistano l’Austria e sfilano a Berg, sul fiume Drava, per suggellare il legame secolare con tutti i corsi d’acqua europei, nei quali è stata scritta la storia di una pratica che ha fatto la fortuna economica anche della Valbrenta. Dopo la tradizionale foto in piazza San Marco a Valstagna di Valbrenta, gli zattieri nostrani sono partiti per la 35esima edizione del raduno “Paesi delle Zattere”, un ritrovo con appuntamento annuale che ha tra i primi obiettivi quello di ripercorrere le ricostruzioni storiche sull’economia del legname, il trasporto dei tronchi con il traino a cavallo o con la navigazione su zattere che possono superare anche i 50 metri di lunghezza. Tantissime le attività sul tavolo della promozione di cui si è parlato nella tre giorni austriaca, tra queste anche la pubblicazione di un libro comune alle 35 comunità di zattieri europei, che è già in lavorazione, sulla storia delle zattere in più lingue; inoltre è già stata presentata all’Unesco la richiesta ufficiale per far sì che la cultura delle zattere diventi patrimonio immateriale per l’umanità. La delegazione della Valbrenta ovviamente resta in prima fila in tutte le attività di promozione e divulgazione di questa tradizione, molto sentita anche nel Bassanese, che a Valstagna trova il suo fulcro con la Calà del Sasso, l’opera in roccia che conta 4444 scalini e che collega il Brenta all’Altopiano, attraverso la quale venivano fatti scivolare i tronchi con i quali sono stati costruiti molti palazzi di Venezia. Dopo la grande sfilata, corredata dai saluti finali, ci si è dati tutti appuntamento al 2020, con il prossimo incontro internazionale in Finlandia, e - nemmeno a dirlo - gli zattieri del Brenta ci saranno. «È stato un incontro molto bello e interessante - afferma Romeo Lazzarotto, degli Zattieri del Brenta - anche dal punto di vista turistico, con la suggestiva escursione in battello sul “lago Bianco” , la visita dei musei storici, la sfilata internazionale nel quartiere storico di Sachsenburg e, per chiudere, non poteva mancare una coinvolgente discesa con sei zattere storiche, costruite nell’occasione, per i 500 partecipanti». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

F.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1