giovedì, 23 maggio 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

24.04.2019

Bordignon in campo «Noi vicini alle famiglie»

Romano Bordignon
Romano Bordignon

Romano Bordignon, è il terzo candidato sindaco per Tezze. Volto nuovo e giovane, slegato dai tradizionali equilibri e logiche di partito, Bordignon si presenta con la lista “Civica per Tezze”, composta da un gruppo di sedici candidati, sei donne e dieci uomini, che provengono da realtà diverse, sia per quanto riguarda competenze tanto lavorative quanto sociali e che lavorerà raccogliendo necessità e idee di tutte le frazioni, cercando di ottimizzare le risorse. Il programma proposto parte con un’innovazione: ascoltare i bisogni del cittadino e condividere così le esigenze della comunità. Innanzitutto il cittadino, quindi, la famiglia e le associazioni, assieme allo sviluppo culturale e sociale del territorio. «Dopo dieci anni di deserto - spiega il candidato Bordignon – è giusto dare una prospettiva diversa alle nuove generazioni. Progetti spot non servono a nulla, perché non danno continuità. Noi cercheremo di andare a buon fine, per un’Amministrazione condivisa e non imposta. Con il coraggio di rischiare, mi sento impegnato e ci credo molto». Nato e cresciuto a Belvedere, Romano Bordignon, 47 anni, è sposato e padre di tre figli. Come impegno professionale è responsabile amministrativo di una spa del Vicentino. Molteplici esperienze nel mondo del volontariato. Per questo sostiene di essere «la persona adatta a guidare il Comune verso il sostegno e la valorizzazione della realtà del territorio», che intende rappresentare. Fin da giovane ha dedicato molto del suo tempo a favore volontariato: ora è presidente, oltre che socio fondatore, della cooperativa “Rosa mistica” di Belvedere che gestisce tre scuole dell’infanzia, segue l’associazione “Famiglie italiane” che si occupa di politiche familiari ed è donatore di sangue. Fino allo scorso anno è stato volontario della cooperativa “Fratres” di Piazzola sul Brenta, vivendo un’esperienza che lo ha formato molto sotto diversi punti di vista. «Grazie al mio impegno in diversi ambiti associativi – continua Bordignon - ho potuto raccogliere informazioni ed esperienze che ora intendo condividere. Sono orientato verso una politica amministrativa attenta alle necessità della famiglia, con un occhio di riguardo verso le fasce più deboli. Porrò attenzione anche verso le aziende con il sostegno alle imprese, con proposte nuove che diano continuità strutturali in un paese che ne ha bisogno, rendendo così il nostro territorio un paese appetibile, verso chi intende trasferirsi qui. Con i progetti la lista non partirà dall’alto; raccogliendo le informazioni direttamente da chi vive nel territorio, enti ed associazioni compresi, proporrà idee condivise che possono essere o a carico del comune, o dei privati, o di entrambi, quando rientrano nelle convenzioni. Se c’è l’interesse del cittadino, quasi sempre le proposte vanno a buon fine ed essendo un bisogno che parte dal basso, è facile venga realizzato». •

Elena Rancan
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1