CHIUDI
CHIUDI

15.06.2019

Cede un tubo, crisi idrica scampata

I lavori per porre rimedio all’interruzione del servizio
I lavori per porre rimedio all’interruzione del servizio

Scoppia una condotta idrica nella notte e tutta la pedemontana trevigiana, ma anche Romano, rischia di restare senz’acqua potabile. Ore di apprensione ieri tra il Comune ezzelino e i vicini del Trevigiano. Nella notte tra giovedì e ieri, un guasto ha interessato la tubazione dell'acquedotto Schievenin che passa sotto la strada provinciale della Valcavasia e che serve i Comuni tra Pieve del Grappa, Asolo e Borso del Grappa. L’allarme ai tecnici dell’Alto Trevigiano Servizi e arrivato alle 6. Poche ore dopo, alle Amministrazione servite da questa condotta è stato segnalato che di lì a breve le utenze del loro territorio sarebbero potute restare senz’acqua potabile. Nel nostro comprensorio, l’allerta è scattata Romano. L’Amministrazione Bontorin verso mezzogiorno ha diramato un avviso ai cittadini per informarli del rischio idrico. La condotta scoppiata, infatti, serve anche l’impianto Etra sul Col Molin che a sua volta porta l’acqua a Romano Alto, secondo un processo “ a caduta”. Nel frattempo, i tecnici di Ats sono entrati in azione. Si sono messi a scavare sulla provinciale e verso sera aveva riparato il guasto quasi del tutto, tanto che alle 17 la condotta aveva ricominciato a fornire circa il 50 per cento dell’acqua necessaria. Si è reso necessario anche pulire la tubazione. Nonostante l’intervento tempestivo, i cittadini di alcuni Comuni hanno dovuto far fronte comunque per qualche ora all’assenza d’acqua. Colpiti in particolare gli abitanti di Borso del Grappa, Asolo, Cavaso e Paderno. A Romano, invece, non sono stati segnalati particolare problemi, tranne qualche calo di pressione nell’erogazione dell’acqua. Fortunatamente, infatti, il Comune ezzelino ha anche altre fonti di approvvigionamento. «Purtroppo queste tubature sono piuttosto vetuste per cui è possibile che si rompano all’improvviso - afferma Giorgio Feltrin, responsabile d’area di Alto Trevigiano Servizi - Abbiamo lavorato in regime di emergenza per tutta la giornata, per cui non appena termineremo la riparazione stimeremo la perdita d’acqua. Purtroppo alcuni cittadini sono rimasti senz'acqua per qualche ora. Ovviamente, a causa dello scoppio ne è andata persa anche una certa quantità». •

Enrico Saretta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1